Sindaco a ministro, serve tavolo sull'Albergo delle Fate

Calabria
fad567bd6e78371f075942dffc75983c

Lettera a istituzioni, lavorare assieme per salvare bene cultura

(ANSA) - CATANZARO, 25 FEB - "Stabilire un tavolo d'incontro e programmazione operativa, finalizzati principalmente a intraprendere tutte le indispensabili azioni congiunte volte a salvare e ridare un nuovo uso pubblico all'Albergo delle Fate, prezioso bene culturale che unitamente al patrimonio esistente nella patria di Mattia Preti, può certamente essere considerato come valore identitario di bellezza e positività per l'intera Calabria". E' quanto chiede il sindaco di Taverna Sebastiano Tarantino, in una lettera al ministro per i Beni e le attività culturali Dario Franceschini, al presidente ff della Regione Calabria Nino Spirlì, al direttore generale del segretariato regionale Mibact Salvatore Patamia, al Soprintendente Abap di Catanzaro e Crotone Francesco Casule e al presidente del Parco nazionale della Sila Francesco Curcio.
    "Facendo seguito - prosegue - al provvedimento di sequestro dell'Albergo delle Fate di Villaggio Mancuso (costruzione dichiarata 'bene di notevole interesse architettonico' dal Ministero nel novembre 2007) e alla sua consegna tutelare al Comune, sento il dovere e l'urgenza di intraprendere tutte le azioni necessarie ad attivare mirati e indispensabili interventi di tutela, conservazione e valorizzazione dell'edificio, le cui valenze storiche e architettoniche, concorrono tutt'oggi a renderlo un simbolo della Sila Piccola e della Provincia di Catanzaro. Costruito interamente in legno nei primi decenni del '900 ad opera di Eugenio Mancuso - sottolinea il sindaco - il quale si avvalse di artigiani per la realizzazione di soluzioni architettoniche in perfetta sintonia con l'ambiente naturale, raggiungendo inusitate cifre estetiche, l'Albergo delle Fate sorse al centro di Villaggio Mancuso, frazione montana di Taverna, situata a 1.289 metri sul livello del mare nel Parco nazionale della Sila e rivestì una sempre maggiore importanza turistica e storica registrando negli anni di maggiore sviluppo la presenza di noti personaggi del mondo del cinema e della cultura. Il declino dell'intero villaggio, iniziato sul finire degli anni '60, ha purtroppo causato l'abbandono di molte costruzioni private e dello stesso complesso alberghiero negli ultimi decenni in grave stato di abbandono". (ANSA).
   

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24