Buon compleanno Renzo Arbore, 80 anni da re del varietà. FOTO

Il poliedrico artista è nato a Foggia il 24 giugno del 1937. Cantautore, conduttore e showman, ha scritto la storia della televisione italiana. LA FOTOGALLERY
  • ©Fotogramma
    Lorenzo Giovanni Arbore, detto Renzo, spegne 80 candeline. Nato a Foggia il 24 giugno del 1937, è un artista poliedrico che nella sua carriera ha vestito i panni del cantautore, del conduttore e dello showman, scrivendo pagine importanti della storia della televisione italiana. Da molti è considerato il primo disc jockey italiano – La pagina Facebook di Renzo Arbore
  • ©Fotogramma
    Laureato in giurisprudenza a Napoli, Arbore comincia a distinguersi nel mondo della musica già in giovane età nella sua città natale: Foggia. Qui è al seguito di un noto complesso locale, i Parker’s Boys, in qualità di clarinettista – Tutti i vip che spegneranno 80 candeline nel 2017
  • ©Fotogramma
    Arbore ha scritto pagine importanti sia della televisione che della radio italiana. I suoi primi spettacoli risalgono agli anni ’60. Tra questi la trasmissione radiofonica "Bandiera gialla" del 1965 e quella televisiva "Speciale per voi" del 1969, condotte entrambe con Gianni Boncompagni (nella foto insieme ad Arbore) – Gianni Boncompagni, amici e parenti alla camera ardente a Roma
  • ©Fotogramma
    Il successo maggiore, in questa prima fase della sua carriera, arriva con la trasmissione radiofonica "Alto gradimento" del 1970, condotta sempre insieme a Gianni Boncompagni, che ottiene ascolti mai registrati prima dalla radio – A Napoli laurea honoris causa per Totò su proposta di Renzo Arbore
  • ©Fotogramma
    Tra i meriti di Arbore anche quello di aver scoperto e lanciato artisti molto talentuosi come Roberto Benigni (nella foto, a sinistra) che ha lavorat con l'artista foggiano nella trasmissione televisiva "L’altra domenica" del 1976, nella quale vestiva i panni di un critico e in "Tagli, ritagli e frattaglie" del 1980, di cui si ricordano le sue evocazioni spiritiche di Dante - David di Donatello, Benigni: "Rappresento il partito del cinema"
  • ©Fotogramma
    Un altro successo arriva nel 1985 con "Quelli della notte", una satira dei salotti televisivi che, in particolare, lancia nel mondo dello spettacolo il comico Nino Frassica, nelle vesti di Frate Antonino da Scasazza (da sinistra: Nino Frassica, Maurizio Ferrini, Riccardo Pazzaglia e Renzo Arbore in "Quelli della notte") – La ninna nanna di Francesca Inaudi e Nino Frassica
  • ©Fotogramma
    La trasmissione del 1987 "Indietro tutta!" replica il successo di "Quelli della notte". Anche in questo caso, si tratta di una parodia televisiva nella quale Nino Frassica veste i panni di un improbabile "bravo presentatore" (Da sinistra: Enzo Jannacci, Paolo Villaggio e Renzo Arbore) – Renzo Arbore nel cast di "Pino Daniele - Il Tempo resterà"
  • Nel 1991 Arbore fonda "L'Orchestra italiana", un gruppo musicale nato con l’obiettivo di rilanciare la musica napoletana attraverso la contaminazione di vari generi: dal jazz, al blues, passando per lo swing (L'Orchestra italiana con Renzo Arbore durante la 64esima edizione del festival di Sanremo nel 2014) – Nino D'Angelo compie 60 anni e festeggia al San Paolo di Napoli
  • Nel dicembre del 2013 riceve dall’allora sindaco Leoluca Orlando la cittadinanza onoraria di Palermo che si somma a quella di Chieti, ricevuta nel luglio 2006 e al titolo di "Grande ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana", ottenuto nel 1992 – Manchester verso la cittadinanza onoraria ad Ariana Grande
  • Da sempre scapolo, Arbore ha avuto, però, delle relazioni sentimentali, tra cui quelle con Mara Venier (nella foto) finita nel 1997 e con l’attrice Mariangela Melato con la quale l’artista foggiano è stato fino alla morte di lei avvenuta l’11 gennaio del 2013 - Roma, l'ultimo saluto a Mariangela Melato