Musica: 30 anni fa moriva Dalida, la "calabrese di Parigi". FOTO

La capitale francese e la Regione Calabria, quella d'origine dei suoi genitori, ricordano la grande cantante morta suicida il 3 maggio 1987. FOTOGALLERY
  • ©Getty Images
    Il 3 maggio 1987 moriva nella sua casa di rue d'Orchampt sulla Butte di Montmartre a Parigi, Dalida, al secolo Iolanda Cristina Gigliotti, una delle più grandi interpreti della musica d'autore tra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio degli anni Ottanta del Novecento. Nella foto, Dalida nel 1980 - La trama del film Dalida
  • ©Getty Images
    La cantante si suicidò con una overdose di barbiturici poco dopo aver affidato a un biglietto, poi ritrovato vicino al suo corpo senza vita, il suo ultimo disperato messaggio: “Perdonatemi, la vita mi è insopportabile”. Nella foto, Dalida si esibisce il 18 marzo 1981 all'Olympia music-hall di Parigi - Prince morto "per un'overdose di oppiacei"
  • ©Fotogramma
    L'artista, che ha sofferto per anni di depressione, aveva tentato il suicidio anche nel febbraio del 1967, poco dopo la scomparsa di Luigi Tenco, al quale Dalida era legata da un rapporto sentimentale - Luigi Tenco, 50 anni fa la tragica scomparsa a Sanremo. FOTO
  • ©Getty Images
    Nel corso della sua carriera, dal 1953 al 1987, Dalida pubblicò 38 album, vendendo 170 milioni di copie in tutto il mondo. Nella foto, Dalida insieme al tennista francese Yannick Noah nel 1983 - Piaf, Aznavour, Brel....chansonnier de France
  • ©Getty Images
    Figlia mediana fra due fratelli, Orlando e Bruno, Dalida nacque a Choubrah, alle porte del Cairo, da genitori calabresi originari di Serrastretta, in provincia di Catanzaro. La famiglia dell'artista si trovava in Egitto per via del lavoro del padre, primo violino all'Opera del Cairo. Nella foto, Dalida in concerto all'Olympia music-hall di Paris il 18 marzo 1981 - Il Cairo, il ritrovamento della statua gigante di Ramses II. FOTO
  • ©Getty Images
    A ventuno anni Dalida si trasferì a Parigi per tentare la carriera musicale, diventando cittadina francese. Proprio per questo motivo, a trent'anni, sono diverse le iniziative promosse in Francia e in Italia per ricordarla. Nella foto, Dalida il 5 maggio 1985 nella sua casa di Montmartre - Il Louvre è ancora il museo più visitato del mondo. FOTO
  • ©Getty Images
    Nella Ville Lumiere, il Palais Galliéra (Musée de la mode de la Ville de Paris), le ha dedicato una mostra inagurata lo scorso 27 aprile dal titolo “Dalida: il suo guardaroba in città e sulle scene”, che presenta gli abiti più belli indossati dalla famosa cantante, donati dal fratello Orlando al museo. Nella foto, alcuni dei 55 dischi d'oro vinti dall'artista - Dalla matrice alla bobina, ecco come nasce un disco in vinile. FOTO
  • ©Fotogramma
    All'inaugurazione dell'esposizione era presente anche Felice Molinaro, sindaco di Serrastretta che, a nome di tutti i calabresi, ha consegnato al fratello di Dalida, Bruno, una targa ricordo, prima di recarsi al cimitero monumentale di Montmatre per deporre sulla tomba dell'artista un omaggio floreale. Nella foto, Dalida ad Alberobello negli anni Sessanta - Musica, ecco i live più attesi del 2017 in Italia
  • ©Fotogramma
    Durante la sua visita, Molinaro ha comunicato l'intenzione della Regione Calabria di "promuovere un momento commemorativo istituzionale presso la cittadella regionale e una manifestazione musicale per questa estate” - 25 anni senza Freddie Mercury. FOTOGALLERY
  • ©Fotogramma
    Sempre Molinaro ha reso noto che la Regione Calabria ha già disposto un finanziamento di 400mila euro da destinare alla costruzione dell'auditorium "Dalida", una struttura permanente ed utile per tutto il vasto comprensorio del Reventino - Amy Winehouse, 5 anni senza la regina del soul. FOTO