Svizzera, in un ghiacciaio i corpi di una coppia scomparsa 75 anni fa

Un'immagine del Cantone Vallese, dove si trova il ghiacciaio in cui è stata rinvenuta la coppia "mummificata" (Getty Images)
2' di lettura

Il ritrovamento è avvenuto nel ghiacciaio di Tsanfleuron. Sciogliendosi la neve ha fatto emergere i cadaveri. I due - marito e moglie - erano scomparsi nell'agosto 1942

I corpi congelati di due alpinisti sono stati rinvenuti la sera di giovedì 13 luglio nel ghiacciaio di Tsanfleuron, sud-ovest della Svizzera. Secondo le prime ricostruzioni, i due cadaveri apparterrebbero ad una coppia scomparsa 75 anni fa.

Salme di 75 anni anni fa

I due corpi ritrovati nel ghiacciaio sarebbero di Marcelin e Francine Dumoulin, marito e moglie svizzeri di cui si erano perse le tracce dall’agosto 1942, quando erano andati a portare le mucche al pascolo vicino al ghiacciaio. "Erano sdraiati uno vicino all'altra, il ghiaccio li ha mummificati", ha raccontato Bernhard Tschannen, direttore di Glacier 3000, punto d'arrivo della funivia nei pressi della quale sono stati ritrovati i corpi. La dichiarazione è stata riportata lunedì dal quotidiano svizzero "Le Matin", tra i primi a dare la notizia poi ripresa da diversi media internazionali.

Il ghiacciaio si sta ritirando

Il ghiacciaio in questione, che come molti altri negli ultimi anni si sta ritirando, è il Tsanfleuron, situato nel Cantone Vallese, sud-ovest della Svizzera. La scoperta dei corpi, perfettamente conservati, è stata fatta da uno dei collaboratori di Tschannen, durante un normale giro vicino alla funivia sopra al resort di Les Diablerets, nel comune di Ormont-Dessus, a 2.615 metri d’altezza. Come spiega ancora il direttore di Glacier 3000, l'uomo ha visto "una massa che usciva dalla neve a una cinquantina di metri" e, avvicinandosi, ha scoperto i corpi "che indossavano abiti tipici dell'anteguerra". Probabile che i due siano finiti nel ghiacciaio dopo essere caduti in un crepaccio

Sulla coppia sarà eseguito il test del dna

"Abbiamo passato la nostra vita a cercarli, senza sosta – ha raccontato sempre a "Le Matin" Marcelin Udry-Dumoulin, la più giovane dei sette figli della coppia – per poter dar loro il funerale che si meritavano". Sui corpi – scrive l'agenzia "Reuters" - sono stati trovati documenti d’identità, ma un test del Dna sarà comunque effettuato per confermare l’identità dei due.

Leggi tutto
Prossimo articolo