Cos'è il lupus, la malattia che ha colpito Selena Gomez

Selena Gomez ha dovuto ricorrere al trapianto di un rene donato dalla sua migliore amica, l'attrice Francia Raisa Almendarez (foto: profilo Instagram Selena Gomez)
3' di lettura

Nel mondo sono cinque milioni le persone colpite da questa patologia, in Italia oltre 60 mila. Trattandosi di una malattia autoimmune, questa comporta delle disfunzioni al sistema immunitario che lo spingono ad attaccare l'organismo stesso

Così come la cantante Selena Gomez, nel mondo ci sono circa cinque milioni di persone che hanno il lupus, solo in Italia i malati sono più di 60 mila. Si tratta di una malattia autoimmune che, nella sua forma più comune, è una patologia cronica. In sostanza il sistema immunitario perde la sua capacità di distinguere tra agenti esterni e interni, finendo con l’aggredire l'organismo stesso e causando tutta una serie di disturbi.

Una malattia autoimmune

Il lupus è una malattia cronica, autoimmune, non contagiosa né infettiva, che colpisce soprattutto le donne: nove malati su dieci sono infatti di sesso femminile. La categoria delle malattie autoimmuni è caratterizzata da un sistema immunitario che, invece di assolvere alla sua funzione di difesa contro microrganismi come virus o batteri, attacca le cellule e i tessuti dell'organismo stesso, perché riconosciuti come estranei. I meccanismi alla base di questa disfunzione non sono ancora ben noti, anche se potrebbe essere favorita da una predisposizione genetica. La malattia, però, non è ereditaria, anche se si può parlare di "familiarità", ovvero di una predisposizione dei geni a sviluppare questa patologia.

Il coinvolgimento dei reni

Il lupus può causare diversi disturbi in varie parti del corpo: dalla pelle, alle articolazioni, passando per i reni, fino al sangue e ogni tipo di tessuto connettivo, talvolta può esser colpito anche il cervello. Nel caso della cantante e attrice Selena Gomez sono stati i reni gli organi più colpiti: la popstar ha dovuto infatti ricorrere al trapianto con un organo donato da una delle sue migliori amiche, l'attrice Francia Raisa Almendarez. Il coinvolgimento dei reni non è raro e, come spiega il Johns Hopkins Lupus Center, lo sperimenta il 50% delle persone che hanno questa patologia.

Le conseguenze della malattia

I glomeruli, le componenti del rene dove il sangue viene filtrato, sono le parti più colpite. Il trapianto viene reso necessario dalla cronicizzazione della glomerulonefrite (questo il nome della malattia in cui sono colpiti i glomeruli). Ciò comporta una alterazione anche dei vasi sanguigni, causando insufficienza renale che va trattata con la dialisi o, per l’appunto, con il trapianto. Oltre ai danni ai reni, il lupus può causare dolori articolari, facile affaticabilità, febbri, manifestazioni cutanee, perdita di capelli, anemia, aborti spontanei, tendiniti, pleuriti, pericarditi, disturbi neurologici o psichiatrici.

Le terapie

L'andamento della malattia è diverso da paziente a paziente e può essere caratterizzata sia da remissioni che da riacutizzazioni. Ecco perché il paziente va seguito anche in fase di remissione. I farmaci utilizzati per trattare questa patologia sono il cortisone e gli immunosoppressori. Questi non servono a guarire, ma consentono di controllarne o bloccarne il decorso.


Leggi anche:
  • Dalla dieta allo sport: cuore e cervello in salute in sette mosse
  • I cibi che fanno bene all'umore
  • Mal di schiena, ne soffrono sei italiani su dieci
  • Numeri sotto ai contenitori di plastica: qual è il significato? SCHEDA
  • Cos'è l'iperemesi gravidica, come Kate una donna su 100
  • Leggi tutto
    Prossimo articolo