Trump: Time mi vuole persona dell'anno, ho detto no. Rivista smentisce

2' di lettura

Il presidente degli Stati Uniti ha annunciato su Twitter di aver rifiutato l’offerta del periodico, che gli avrebbe detto che “probabilmente” sarebbe stato di nuovo lui la Person of the Year. La replica: “Sta sbagliando”

L’anno scorso sì, quest’anno no. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha rivelato su Twitter di aver rifiutato la proposta della celebre rivista Time Magazine di nominarlo "probabilmente" Persona dell'anno, previa intervista e servizio fotografico. Il periodico, però smentisce con un altro cinguettio.

Il tweet di Trump

"Mi ha chiamato Time Magazine per dirmi che sarei stato PROBABILMENTE nominato 'Uomo (persona) dell'anno', come lo scorso anno, ma che avrei dovuto accordare un'intervista e un servizio fotografico - ha scritto il tycoon su Twitter in un messaggio velatamente ironico -. Ho detto che probabilmente non va bene e ho declinato. Grazie comunque!".

La replica del Time

Ma la rivista non ci sta e replica, sempre su Twitter: "Il presidente sbaglia riguardo a come viene scelta la Persona dell'anno. Time non commenta la sua decisione fino alla pubblicazione, che è il 6 dicembre”.

La vittoria dello scorso anno e i precedenti

Trump era stato eletto “persona dell’anno” da Time Magazine lo scorso 7 dicembre, poco dopo aver vinto le elezioni presidenziali e prima di insediarsi alla Casa Bianca. Il periodico, che quest’anno farà la sua 91esima assegnazione, lo aveva scelto come colui che “nel bene o nel male” aveva avuto la maggiore influenza nel 2016. Alle spalle del tycoon, tra i finalisti, erano arrivati Hillary Clinton, sua rivale alle elezioni, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e la pop star Beyoncé. Nel 2015, Time scelse la cancelliera tedesca Angela Merkel, nel 2013 era stata la volta di Papa Francesco, mentre Barack Obama è stato incoronato “persona dell’anno” due volte: nel 2008 e nel 2012.

Leggi tutto
Prossimo articolo