Dortmund, autorità tedesche: nessun legame tra esplosioni e sospettato

1' di lettura

"Le indagini non hanno fornito nessuna prova che l'accusato abbia partecipato all'attacco" contro il bus del Borussia, ha detto la procura federale. Contro il 26enne di origini irachene, comunque, è stato chiesto un mandato d'arresto: potrebbe aver aderito all'Isis

Non ci sarebbero riscontri che colleghino il sospettato di origini irachene fermato ieri in Germania e le bombe che sono esplose martedì sera contro il pullman del Borussia Dortmund. Lo dicono le autorità giudiziarie tedesche. Gli inquirenti, quindi, non avrebbero trovato nulla che leghi il 26enne all’attentato.

Ipotesi militanza nell’Isis

“Le indagini non hanno fornito finora nessuna prova che l'accusato abbia partecipato all'attacco”, ha comunicato la procura federale tedesca. A carico dell’uomo, ritenuto comunque vicino agli ambienti islamici radicali, si starebbe valutando un’ipotesi di reato legata alla sua militanza nell’Isis in Iraq e la procura ha chiesto un mandato d’arresto.

Leggi tutto