Europarlamento, intervento choc: "Giusto che le donne guadagnino meno"

L'autore della frase Janusz Korwin-Mikke (Getty Images)
1' di lettura

Durante un dibattito a Bruxelles sulle differenze di reddito fra uomini e donne, un deputato polacco ha sottolineato come, a suo dire, tale disparità sia giustificata dalla minore intelligenza femminile. Il presidente Tajani avvia un’inchiesta

“Le donne devono guadagnare meno degli uomini perché sono più deboli, sono più piccole e sono meno intelligenti. Devono guadagnare meno”: questa frase è stata pronunciata da un parlamentare europeo durante un dibattito dell'assemblea sulle disparità di genere. Il suo nome è Janusz Korwin-Mikke, 74enne polacco che non è iscritto ad alcun gruppo parlamentare. Per il suo intervento di mercoledì 28 febbraio, l'europarlamentare rischia, nell'ambito di un'inchiesta avviata dal presidente Antonio Tajani, sanzioni pecuniarie e la sospensione dalle sue funzioni.

 

La frase choc - “Sapete qual è il primo posto occupato da una donna nelle olimpiadi polacche della fisica teorica? Ve lo dico, il numero 800. Sapete quante donne ci sono fra i 100 migliori giocatori di scacchi? Nessuna”: con questi due preamboli, Korwin-Mikke ha cominciato il suo intervento all'Europarlamento, prima di arrivare dritto al punto: “Ovviamente le donne devono guadagnare meno degli uomini”. Consapevole delle polemiche scatenate dalle sue esternazioni, il politico polacco ha deciso di rincarare la dose pubblicando una citazione su Facebook: “Una donna che pensa di essere intelligente esige gli stessi diritti dell'uomo. Una donna intelligente ci rinuncia” (la frase è della scrittrice francese Colette). Fra gli incarichi di Korwin-Mikke nel Parlamento europeo c'è la partecipazione alle commissioni per gli Affari esteri e per le relazioni con la Cina. Il polacco aveva già dato scandalo nel 2015 quando durante un suo discorso, sempre all'Europarlamento, fece il saluto fascista e venne per questo sospeso dalle sedute. Korwin-Mikke è presidente e fondatore di una formazione politica liberale ed euroscettica nota con un acronimo uguale al suo nome (KORWiN, che sta per "Coalizione per il Rinnovo della Repubblica - Libertà e Speranza"), che occupa due seggi nel parlamento Ue.

 

Superare il “Gender gap” - Le dichiarazioni di Korwin-Mikke arrivano in un momento in cui diversi studi economici mostrano che assottigliare il divario nelle retribuzioni di uomini e donne aiuterebbe l'economia sotto molti aspetti, oltre a contribuire al superamento delle discriminazioni di genere. Secondo la Commissione europea, però, nonostante i vari passi avanti, ci vorranno ancora 70 anni per eliminare le disparità di reddito fra uomini e donne ai ritmi attuali.

Leggi tutto