Apple potrebbe risparmiare 47 mld di tasse con riforma fiscale Trump

3' di lettura

Il colosso di Cupertino, secondo il Financial Times, sarebbe il principale beneficiario della grossa riduzione delle aliquote sui profitti all'estero delle aziende americane, prevista nel testo approvato al Senato

Apple potrebbe pagare 47 miliardi di dollari in meno di tasse se i Repubblicani riusciranno a far passare in via definitiva la riforma fiscale del presidente Donald Trump. Lo riferisce il Financial Times. Il colosso di Cupertino, spiega il giornale, sarebbe il maggiore beneficiario del progetto di legge di Donald Trump già passato al Senato, il cui testo dovrà essere uniformato a quello della Camera per l'approvazione definitiva. Il potenziale beneficio inatteso per Apple deriva dalla riduzione delle aliquote che saranno applicate ai profitti all’estero delle aziende nel disegno di legge del presidente Trump: si parla di una cifra di 31 miliardi di dollari contro i 78 miliardi dovuti dall'azienda con l'attuale regime fiscale. Apple, come la maggior parte delle aziende americane, ha scelto di lasciare la maggior parte dei propri profitti oltreoceano piuttosto che riportarli negli Stati Uniti e pagare il 35 per cento di tasse previsto con il regime fiscale attualmente in vigore.

Così Apple beneficerà della riforma fiscale

Il progetto di legge dei Repubblicani prevede che l’aliquota per i profitti esteri scenda a non più del 14,5 per cento, che vengano o meno riportati in patria. Si stima che Apple dovrebbe pagare circa 78,6 miliardi di dollari se dovesse riportare il denaro negli Usa con il regime fiscale attualmente in vigore. Ma il colosso di Cupertino rinvia continuamente il pagamento delle tasse dovute per i profitti all'estero. Molto difficilmente, quindi, con l'approvazione della riforma fiscale che è alle battute finali, le verrà presentato questo conto da 78,6 miliardi. Apple potrebbe vedersi ridotta questa cifra di 47 miliardi: secondo il testo approvato dal Senato il 2 dicembre, riporta il Financial Times citando il professor Richard Harvey della Villanova University, il colosso di Cupertino dovrebbe pagare immediatamente 31,4 miliardi di dollari sui passati profitti all’estero. Cifra che potrebbe scendere ulteriormente, dice il professor Harvey, a 29,4 miliardi se la Corte europea dovesse deliberare il pagamento dei 13 miliardi di tasse non versate all’Irlanda, dopo l’accordo con quest’ultima. Secondo Moody’s, riferisce il Financial Times, Apple possiede 252 miliardi di dollari all’estero tra liquidità e investimenti: un quinto di quanto detenuto globalmente da tutte le aziende americane all’estero.

Leggi tutto
Prossimo articolo