Aumentano italiani che vanno al ristorante: 78 mld di spesa nel 2016

Coldiretti, agli italiani piace mangiare fuori (Getty Images)
3' di lettura

Il Paese della dieta mediterranea destina 1/3 del proprio budget alimentare alla ristorazione

Gli italiani amano mangiare fuori, tanto che destinano oltre il 30% del proprio budget alimentare a pranzi e cene al ristorante, esercizio che meglio di altri ha saputo reinventarsi e resistere alla crisi. Inoltre, l'home restaurant è il nuovo trend della ristorazione che ha già conquistato 3,3 milioni di italiani, un popolo che si è anche scoperto appassionato di recensione online dei posti in cui mangia. E' quanto emerge primo rapporto Coldiretti-Censis sulla ristorazione in Italia, presentato al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione

Oltre 78 miliardi per mangiare fuori

Il rapporto evidenzia una crescita nella spesa per la ristorazione rispetto fuori casa delle famiglie italiane, pari a oltre 78 miliardi di euro, con un aumento dell’8% rispetto al 2008, prima della crisi economica. Gli italiani che hanno mangiato fuori casa almeno una volta nell'ultimo anno sono 50,3 milioni. Di questi, 24,5 milioni lo fanno regolarmente. I millennials, cioè i nati tra il 1980 e il 2000, sono tra i più assidui frequentatori di ristoranti: il report parla di 11 milioni di persone, di cui 6,9 milioni di clienti abituali. Questo numero fa pensare che scegliere di mangiare fuori rispetto allo stare a casa è un trend destinato a crescere ancora.

Il ristorante batte la crisi

Tra gli esercizi che meglio hanno saputo resistere alla crisi ci sono i ristoranti tradizionali. A scegliere le osterie e le trattorie sono stati 48,6 milioni di italiani, mentre 37,9 milioni di clienti hanno ripiegato su bar, caffè e pasticcerie anche per pranzi e cene. Gli agriturismi sono stati la meta alimentare per 36,1 milioni di persone, seguiti da fast food (31,5 milioni), pub e paninoteche (30,8 milioni), wine bar ed eno pub (26,7 milioni). Cresce il trend dei locali dedicati all'alimentazione vegetariana e vegana con 16,5 milioni di clienti.

Il successo dell'home restaurant

Ma la vera novità nel campo della ristorazione è l'home restaurant. Sono 3,3 milioni di italiani che regolarmente mangiano in case di cuochi amatoriali, rese accessibili da piattaforme social dedicate. I clienti occasioni del social eating sono 8,8 milioni. A cimentarsi ai fornelli per ospiti sconosciuti sono 3,1 milioni di italiani, mentre altri 6 milioni lo fanno occasionalmente. Un altro fenomeno in crescita individuato da Coldiretti è quello della ristorazione digitale, il cosiddetto food delivery. Sono 4,1 milioni le persone che ordinando cibo da asporto abitualmente usando app o siti internet, cifra a cui si associano altri 8,8 milioni di clienti saltuari. 11 milioni di persone invece usano ancora il telefono per farsi portare a casa piatti e pietanze da ristoranti e pizzerie.

La mania dei voti online ai ristoranti

Dopo aver ordinato e mangiato, quasi la metà degli italiani ha acquisito una nuova abitudine, quella di dare voti online ai ristoranti scelti. Lo fa il 47% degli intervistati per l'indagine Coldiretti/Censis. Dopo essersi documentati sul posto in cui stanno per mangiare e aver consumato il pasto, il 58,2% degli italiani è propenso a lasciare un giudizio di eccellenza, il 36,8% elargisce un buono o un sufficiente. Solo il 5% dei clienti lascia recensioni insufficienti. Tra i criteri penalizzanti ci sono gli spazi angusti, la folla, il rumore e i tempi d'attesa, la scortesia e la scarsa attenzione del personale.

Leggi tutto
Prossimo articolo