Just Eat, a Londra il cibo a domicilio arriva con i robot

Modalità di consegna sempre più tecnologiche per Just Eat (Getty Images)
1' di lettura

Dopo mesi di test, i nuovi mezzi saranno utilizzati per consegne all'interno di una sola area, quella di Greenwich. Per ora

 

Dopo i primi esperimenti di food delivery con i droni, Just Eat, una delle più importanti realtà del settore, ha infatti deciso di portare il pranzo ai clienti con dei robot. Si tratta di un veicolo, costituito da un contenitore termico su sei ruote, che l'azienda ha prodotto assieme a Starship Technologies.

 

 

Si comincia da Londra - Il robot è arrivato ufficialmente su strada dopo cinque mesi di sviluppo e test. La prima città dove opera è Londra, dove Just Eat ha sede: i nuovi mezzi per ora sono utilizzati per consegne all'interno di una sola area, quella di Greenwich, e questa prima fase del programma per la loro introduzione coinvolge al momento 10 ristoranti. "Ma – afferma una nota di Just Eat – l'obiettivo è estendere il servizio ad altri quartieri di Londra. Per poi diffonderlo in altre città britanniche".

 

 

Come funziona - La consegna con i robot non è molto diversa dalla classica procedura seguita da Just Eat e altre piattaforme similari. L'utente si registra e scarica l'app, quindi naviga tra i ristoranti registrati, decide cosa mangiare e ordina. Giunti a questo punto, il sistema chiederà di scegliere la modalità di consegna: se si opterà per il robot, il veicolo inizierà a marciare dal deposito di Just Eat verso il ristorante prescelto. Il robot, una volta ricevuto il pranzo, si dirigerà poi verso l'indirizzo del cliente, mentre all'utente sarà inviato un link: si tratta della "chiave" per aprire il contenitore viaggiante. Il tempo di consegna stimato è intorno agli 8 minuti, cioè circa la metà di quello di un corriere tradizionale.

 

La consegna inaugurale - Il primo a usufruire del nuovo servizio, secondo quanto comunicato da Just Eat, è stato Simone, un cliente abituale. Ha ordinato al ristorante turco "Taksim Meze" e scelto l'opzione robot: "Quando l'ho visto d'avanti alla mia porta, non potevo crederci. È stato come in un film. È incredibile che questo tipo di tecnologia sia già disponibile”. 

 

I nuovi mezzi - La consegna con veicoli autonomi sembra una delle tendenze per il cibo a domicilio. Potrebbe permettere, nel medio periodo, di ridurre i costi e soprattutto di abbattere i tempi e ampliare le aree servite. Lo scorso 17 novembre, ad esempio, Domino's ha iniziato a consegnare le pizze con i droni. E anche Amazon sta da tempo investendo su questa tecnologia, che potrà essere applicata alla propria piattaforma di e-commerce ma anche ai servizi di consegna alimentare legati a Prime.

Leggi tutto