Maturità 2017, ecco chi era Giorgio Caproni

Un collage delle copertine dei libri di Caproni
2' di lettura

Un brano dell'autore livornese scomparso nel 1990 è stato scelto per la prima prova d'esame, uguale per tutti gli indirizzi

Poeta, critico letterario e traduttore livornese, Giorgio Caproni è il protagonista con uno dei suoi scritti della traccia A della prima prova, proposta a circa mezzo milione di maturandi, quella di analisi del testo.

Una poesia tratta da “Res Amissa”

La poesia che nelle sei ore di tempo a loro disposizione i ragazzi devono analizzare è “Versicoli quasi ecologici”, contenuta nella raccolta “Res Amissa”, uscita postuma nel 1991. Eccola in un tweet seguito alla pubblicazione delle tracce della prova di Italiano.

Vita e opere di Caproni

Nato il 7 gennaio 1912 a Livorno, di origini umili, Caproni studia a Genova ma trascorre il resto della sua vita a Roma, dove muore il 22 gennaio 1990. Partecipa alla Seconda Guerra Mondiale  e , prima fra le fila dell'esercito nazionale, poi  come membro della Resistenza in Val di Trebbia. Maestro elementare, traduttore  di autori francesi e collaboratore di diversi giornali e riviste, pubblica le prime poesie nel 1933 , ma scrive anche saggi e racconti. Tra le opere più importanti da lui tradotte in italiano ci sono "Il tempo ritrovato", settimo volume de "Alla ricerca del tempo perduto" di Marcel Proust, "I fiori del male" di Charles Baudelaire e "L’educazione sentimentale" di Gustave Flaubert.

La musica e le poesie

Nell'arco della sua vita, Caproni studia anche musica, tanto che alcuni degli originali delle poesie della raccolta "Res amissa" sono scritti su uno spartito musicale. Nei suoi versi parla delle tre città dove ha vissuto - Genova, Livorno e Roma - della madre e del linguaggio. In contatto con gli intellettuali del Secondo dopoguerra, tra cui Pier Paolo Pasolini e Natalia Ginzburg, riceve diversi premi e riconoscimenti, estrando stabilmente nel panorama lettarario nazionale del Novecento.

Leggi tutto