Tragedia Piazza San Carlo, cosa è successo a Torino il 3 giugno 2017

Piemonte

Durante la proiezione su maxischermo della finale di Champions League Juventus-Real Madrid, una serie di ondate di panico tra la folla, causate dallo spray urticante utilizzato da una banda di rapinatori, provocò 1600 feriti e più tardi il decesso di due donne

Il 3 giugno 2017 quella che per Torino doveva essere una giornata di festa e di sport si è trasformata in una tragedia. In piazza San Carlo (LE FOTO), durante la proiezione su maxischermo della finale di Champions League Juventus-Real Madrid, una serie di ondate di panico tra la folla, causate dallo spray urticante utilizzato da una banda di rapinatori, provocò 1600 feriti e più tardi il decesso di due donne. Nel processo con rito abbreviato su quei fatti i cinque imputati, tra cui la sindaca di Torino Chiara Appendino, sono stati tutti condannati a un anno e sei mesi.

I fatti di piazza San Carlo

approfondimento

Torino, Piazza San Carlo: condannata la sindaca Chiara Appendino

Occhi fissi al maxischermo, il Real ha appena segnato il terzo gol. I tifosi juventini non fanno nemmeno in tempo a realizzare che gli avversari stanno mettendo le mani sulla Champions quando all’improvviso un boato spaventa la folla. E si scatena il caos. Come mostrano le immagini e i video di quella sera, la gente inizia a spingersi, travolgendo le transenne e poi scappando lungo le vie limitrofe. La maggior parte delle persone corre lungo via Roma, verso la stazione di Torino Porta Nuova. Ma molti restano schiacciati a terra. Alle 23.30 circa, piazza San Carlo è quasi completamente svuotata. Le sirene continuano a far sentire il loro suono, la polizia invece cerca di capire cosa abbia generato il panico.

La morte di Erika Pioletti

vedi anche

Torino ricorda le vittime di Piazza San Carlo. FOTO

Il 15 giugno 2017 muore Erika Pioletti, 38enne di Domodossola che era stata ricoverata all'ospedale San Giovanni Bosco di Torino dopo essere stata colta da un infarto. Erika, residente a Domodossola e originaria di un piccolo paese ossolano, Beura-Cardezza, è stata schiacciata dalla folla contro un muro e il trauma toracico le ha causato un arresto cardiaco. Per diversi minuti il sangue non è arrivato al cervello, arrecandole danni che si sono rivelati irreversibili. Rianimata sul posto, è giunta in coma in ospedale e da allora i medici non sono più riusciti a risvegliarla. Veniva tenuta in vita da un respiratore e in ipotermia. La mamma Anna le è stata sempre al fianco nei 12 giorni di calvario ma lei non è più uscita da quel lungo incubo.

Dopo un anno e mezzo muore anche Marisa Amato

Il 25 gennaio 2019, a un anno e mezzo dai fatti di piazza San Carlo, è morta  in seguito alla complicanze di un'infezione alle vie respiratorie anche Marisa Amato, la donna di 65 anni rimasta paralizzata dopo i fatti di piazza San Carlo. La 65enne era arrivata il 23 gennaio al pronto soccorso con problemi respiratori. Gli esami avevano evidenziato un versamento pleurico che era stato drenato mentre la respirazione era stata sorretta con ventilazione non invasiva. Era stata ricoverata nel reparto di Terapia Intensiva, diretto da Mauriziano Berardino.

Torino: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24