Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Spotify incoraggia gli utenti a creare podcast

I titoli di Sky Tg24 delle ore 8 del 31/08

2' di lettura

Il pulsante 'crea podcast’ reindirizza l’utente su Anchor, piattaforma recentemente acquisita dal colosso svedese. In pochi tocchi è possibile registrare i contenuti dal telefono, ottenendo grande visibilità 

Non solo produrre podcast esclusivi, ma incoraggiare gli utenti a realizzarne di nuovi. È questo il piano di Spotify, che sta testando all’interno della propria app un pulsante che consente di creare un file audio utilizzando Anchor, una piattaforma di creazione podcast acquisita recentemente dal colosso svedese. Spotify ha iniziato a guardare con interesse a questo campo ormai da diverso tempo, come dimostrato dalle recenti decisioni della compagnia, che ha introdotto la possibilità per gli inserzionisti di realizzare pubblicità mirate basate sui podcast ascoltati oltre a siglare un accordo con Barack e Michelle Obama per la produzione di podcast esclusivi.

Come creare un podcast su Spotfiy

Per Spotify i podcast sono il futuro. A riconferma di questa visione, già chiara ormai da diversi mesi, l’azienda svedese ha deciso di testare una nuova funzione all’interno della propria app per spingere sempre più utenti a entrare in questo ambito e realizzare podcast amatoriali. La novità è stata scovata dalla leaker Jane Wong, che ne ha dato notizia su Twitter: come mostrano gli screenshot pubblicati, che si riferiscono alla versione brasiliana di Spotify, l’opzione ‘crea podcast’ rimanda gli utenti a Anchor, descritta come “la nostra nuova app di creazione podcast, gratis e facile da usare”. Un legame che non sorprende, visto che Spotify ha recentemente acquisito Anchor, che consente di registrare i contenuti in modo piuttosto semplice dal proprio smartphone.

Grande visibilità per gli utenti

Interpellato da The Verge riguardo la novità, Spotify ha spiegato che “testiamo di continuo nuove esperienze e nuovi prodotti per migliorare l’esperienza complessiva su Spotify. Alcuni test rimarranno tali, altri si trasformeranno in miglioramenti per il nostro prodotto”. All’interno di un manifesto promozionale di Anchor, anch’esso pubblicato da Jane Wong, si legge che in pochi e semplici passi sarà possibile pubblicare i podcast creati su Spotify, Apple Podcast e Google Podcast: è proprio promettendo grande visibilità che l’azienda spera di incoraggiare gli utenti a produrre nuovi contenuti originali, che rendano ancora più solido e allargato l’ecosistema dei podcast.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"