Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Pokémon Go ha raggiunto 1 miliardo di download in tutto il mondo

I titoli di Sky Tg24 delle ore 8 del 5/08

2' di lettura

L’applicazione ha raggiunto questo traguardo a poco più di tre anni di distanza dalla sua uscita, avvenuta in Europa il 16 luglio 2016 

Dopo poco più di tre anni dalla sua uscita, avvenuta in Europa il 16 luglio 2016, Pokémon Go, la popolarissima applicazione dedicata ai mostriciattoli tascabili disponibile per i sistemi operativi Android e iOS, ha raggiunto un miliardo di download: a renderlo noto è Niantic, la software house che ha portato il mondo dei Pokémon nelle tasche di tutti i possessori di smartphone. Un traguardo importante, che dimostra quanto il gioco sia ancora apprezzato dagli appassionati di gaming mobile. Dopo il boom avvenuto nell’estate del 2016, la crescita dell’applicazione è rallentata, anche a causa dell’arrivo di altri campioni d’incassi (come Fortnite), ma il numero di giocatori attivi è comunque rimasto elevato. In base ai dati diffusi dalla società di analisi SuperData, Pokémon Go continua a raccogliere oltre 147 milioni di utenti al mese.

I Pokémon Ombra

Lo stato di buona salute del gioco è confermato, inoltre, dai numerosi eventi che si svolgono ogni mese e dalla continua introduzione di nuovi contenuti. A luglio, per esempio, sono stati resi disponibili i Pokémon Ombra, i quali possono essere catturati con le Premier Ball dopo aver sconfitto uno scagnozzo del Team Rocket, l’organizzazione criminale nota a tutti i fan di vecchia data delle avventure videoludiche dei mostriciattoli tascabili. Di recente, l’account ufficiale del gioco ha annunciato su Twitter l’arrivo di nuovi Pokémon Ombra. L’elenco completo include Poliwag, Grimer, Muk, Drowzee, Hypno, Cubone, Scyther, Magikarp, Houndour, Houndoom e Ralts.

I Pokémon assenti in Spada e Scudo

Durante l’ultima edizione dell’E3 di Los Angeles, Junichi Masuda, il producer di Pokémon Spada e Scudo, ha rivelato che nei nuovi titoli non saranno presenti tutti i mostriciattoli tascabili delle precedenti generazioni. Nelle settimane successive, il cofondatore di Game Freak è tornato sull’argomento e ha rassicurato i fan, spiegando che i Pokémon assenti nei giochi potrebbero tornare nei futuri capitoli della serie. Masuda, inoltre, ha chiarito che la scelta di escludere alcuni mostriciattoli tascabili è stata dettata dalla necessità di far uscite Spada e Scudo nei tempi previsti. 

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"