Libero mail e Virgilio non funzionano da più di due giorni: cosa sta succedendo

Tecnologia
©IPA/Fotogramma

Ormai da domenica sera risulta bloccata la posta elettronica: “L’attuale situazione non è dipendente da attacchi cyber esterni” fa sapere l’azienda per tranquillizzare gli utenti

ascolta articolo

“Stiamo lavorando incessantemente da ormai diverse ore per risolvere un problema infrastrutturale inaspettato e imprevisto – dichiara Diego Rizzi, Chief Technology Officer di Italiaonline - e che non è dipeso da sistemi sviluppati da Italiaonline”. Le ore sono più di 60 visto che il sevizio mail ha smesso di funzionare nella serata di domenica. Sono milioni gli utenti che utilizzano le caselle di Libero e Virgilio. La posta elettronica risulta bloccata con evidenti problemi e ripercussioni. "A partire dalla notte del 23 gennaio 2023 si stanno verificando disservizi sull'infrastruttura a cui fanno capo i servizi web Libero e Virgilio, in particolare la posta elettronica", ha spiegato la società in una nota.

Si escludono attacchi hacker

approfondimento

Libero mail e Virgilio down, posta elettronica non funziona

L'azienda esclude attacchi hacker - L'azienda ha annunciato di aver individuato il problema e di essere "vicina alla soluzione". Nel messaggio agli utenti rilasciato nelle prime ore di disservizio, oltre alle scuse di circostanza, anche una frase che escludeva categoricamente l’attacco informatico: "Si tratta di un problema di natura tecnico esclusivamente interno, il che significa che escludiamo categoricamente potenziali attacchi hacker e che i dati dei nostri utenti, che sono il bene più prezioso, non sono in pericolo", recitava il messaggio nelle prime ore del disservizio.

La app funziona parzialmente

leggi anche

Truffe, occhio a e-mail con presunti rimborsi Agenzia delle Entrate

L’anomalia riguarda parzialmente la app. Infatti chi ha scaricato sul proprio cellulare la app di Libero mail riesce ad accedervi normalmente e a consultare la cronologia dei messaggi inviati e ricevuti precedentemente. Si riesce anche a mandare messaggi che risultano regolarmente recapitati, ma non arrivano quelli inviati nelle ore del disservizio.  

Il comunnicato stampa

L'azenda ha mandato una nota stampa dove si legge: "Vogliamo iniziare scusandoci ancora una volta con i nostri utenti per il disagio e il disservizio. Leggiamo i vostri commenti e comprendiamo. Ma vogliamo soprattutto, ora che siamo in grado di farlo, condividere con voi maggiori informazioni sull’accaduto, sul lavoro che stiamo facendo e dare un orizzonte temporale per la risoluzione del problema. Nelle scorse settimane, al fine di offrire un servizio sempre migliore e sempre più aggiornato, abbiamo introdotto un’innovativa tecnologia di storage a supporto delle nostre caselle mail, fornita da un vendor esterno, un produttore di tecnologie di storage utilizzato da alcune delle più grandi società al mondo. Purtroppo, un bug del sistema operativo ne ha compromesso il corretto funzionamento e, di conseguenza, quello delle caselle di posta presenti su di esso. Il vendor sta lavorando incessantemente per la risoluzione del problema, creando un fix per la soluzione della problematica, con il supporto di tutti i nostri team interni. Trattandosi però di un bug a livello di sistema operativo, la soluzione sta richiedendo i tempi tecnici di sviluppo, con l’obiettivo primario di tutelare l’integrità dei dati.

Il ripristino entro 24/48 ore

I tempi sono stati lunghi finora, ce ne rendiamo conto. Da 25 anni siamo il fornitore mail degli italiani, i nostri utenti non sono sparsi per il mondo, ma sono i nostri vicini di casa, i nostri amici e parenti, i professionisti del nostro Paese. Non possiamo dunque non avere come priorità la tutela dei dati degli italiani, perché sono la nostra forza. Per questo vogliamo riaprire le caselle in maniera definitiva e stabile. Prevediamo di ripristinare la Libero Mail e la Virgilio Mail entro le prossime 24/48 ore. Siamo consapevoli che questo crea difficoltà ai nostri utenti, ma il nostro essere il provider di posta degli italiani, ci impone la massima serietà. Come sempre, comunicheremo eventuali aggiornamenti attraverso i nostri touchpoint".

Tecnologia: I più letti