“Novecento” di Alessandro Baricco è la prima opera letteraria in NFT

Tecnologia
©Getty

Lo scrittore torinese ha trasformato la lettura del suo monologo, datato 1994, in un’opera unica digitale, certificata. Già ampiamente utilizzato nel mondo dell’arte, oggi l’NFT viene utilizzato per la prima volta in Italia per un’opera letteraria

Si chiama Novecento. The Source Code e sarà messo in vendita sulla piattaforma OpenSea nel mese di marzo. Si tratta della versione NFT (Non-Fungibile Token) della celeberrima opera dello scrittore Alessandro Baricco. Lo scrittore torinese ha trasformato la lettura del suo monologo, datato 1994, in un’opera unica digitale, certificata. Novecento, o meglio il suo file audio, una volta venduto diverrà proprietà esclusiva dell’acquirente, tramite tecnologia NFT che ne assicura l’esclusività di possesso. Già ampiamente utilizzato nel mondo dell’arte, oggi l’NFT viene utilizzato per la prima volta in Italia per un’opera letteraria.

Cosa significa NFT

approfondimento

Nft, quali sono i rischi dei non fungible token. IL PODCAST

“Gli Nft sono opere digitali a disposizione gratuitamente, delle quali viene certificato un solo esemplare. Questo originale viene poi venduto a collezionisti, a persone che desiderano possederlo“, ha spiegato l’autore in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. “C’è qualcosa che sta succedendo oggi, e sta succedendo nel quadrato formato da questi quattro punti: blockchain, criptovalute, NFT, DAO. Lì dentro c’è qualcosa che probabilmente è destinato a cambiare di molto la nostra vita, come è successo dieci anni fa con le App, per esempio. Quindi mi sono detto: voglio finire dentro quel quadrato e il modo migliore per vedere cosa c’era là dentro era fare un NFT. Mi sembrava che nessuno lo avesse fatto con la letteratura e anche questo mi ha attirato molto, per scompigliare un po’ le carte del mio mondo produttivo letterario, che sono ancora molto antiche. Con l’aiuto di alcuni esperti ho prodotto questo NFT, che è insieme un nuovo capitolo di The Game e l’ennesimo capitolo della mia storia con quella di Novecento, che probabilmente è il codice sorgente di tutta la mia opera”, ha detto ancora lo scrittore.

Il progetto

approfondimento

NFT-Mania, i Non Fungible Token sbarcano al cinema

Baricco si è servito della supervisione tecnica di Serena Tabacchi, curatrice, direttrice e co-fondatrice del MoCDA (Museo d’Arte Contemporanea Digitale), di Bruno Pitzalis, esperto di crypto art e comunicazione e Massimo Franceschet, esperto di blockchain e crypto asset. Insieme all’autore il team tecnico-artistico si è occupato di dare una forma all’opera digitale come file unico collezionabile, relazionandosi con i collezionisti del settore e portando a conoscenza del mercato dell’arte (e non solo) l’opera che l’autore intende diffondere come pezzo unico definendolo lui stesso un codice sorgente.

Tecnologia: I più letti