WhatsApp, Instagram e Facebook down: le scuse di Zuckerberg

Tecnologia

Il fondatore e ceo del colosso di Menlo Park ha affidato a un post il suo rammarico per il black out che dal pomeriggio di ieri, per oltre sei ore, ha riguardato tutte le app della piattaforma social. Scrive anche il capo di Whatsapp, Will Cathcart: "E' stato un promemoria per ricordarci quante persone e organizzazioni si affidano alla nostra app ogni giorno. Impareremo e cresceremo da questo"

Nella tarda serata di ieri Mark Zuckerberg ha affidato a un post su Facebook le sue scuse per il black out che dal pomeriggio di ieri, per oltre sei ore, ha riguardato tutte le app della piattaforma social. "Scusate per l'interruzione, sappiamo quante persone fanno affidamento sui nostri servizi per restare connesse" ha scritto il ceo e fondatore del colosso di Menlo Park. Scrive anche il capo di Whatsapp, Will Cathcart: "Sono grato a tutti coloro che hanno lavorato duramente per riportare il nostro servizio all’affidabilità che ci si aspetta, è stato un promemoria per ricordarci quante persone e organizzazioni si affidano alla nostra app ogni giorno. Impareremo e cresceremo da questo".

Il blackout "social" globale

approfondimento

WhatsApp, Facebook e Instagram down: cosa è successo

Intorno alle 17,40 di ieri, lunedì 4 ottobre, le tre piattaforme (Instagram, Facebook e WhatsApp) sono diventate inaccessibili in tutto il mondo. La notizia di migliaia di segnalazioni di malfunzionamento è pian piano rimbalzata sui giornali di tutto il mondo. Poi poco prima dell'una di notte (ora italiana) hanno ripreso lentamente a funzionare. Per il vicepresidente delle infrastrutture di Facebook, Santosh Janardhan, il blackout “è stato provocato da modifiche alla configurazione dei router che hanno portato a una interruzione del traffico di rete con un effetto a cascata sul modo in cui comunicano i nostri centri dati, bloccando i nostri servizi”.

La sfiducia degli investitori

approfondimento

WhatsApp, Facebook e Instagram non funzionano: i meme su Twitter. FOTO

Il blocco ha fatto crollare le azioni del 4,8%, mandando in fumo miliardi della fortuna personale dell'amministratore delegato Mark Zuckerberg. Secondo Forbes, Zuckerberg ha perso 5,9 miliardi di dollari e ora il suo tesoretto ammonta a 117 miliardi di dollari in totale. Secondo Bloomberg il blackout gli è costata la perdita di una tacca nella lista delle persone più ricche al mondo facendolo cadere sotto Bill Gates al n. 5 del Bloomberg Billionaires Index. Lo stop, insolitamente lungo, di Facebook, Instagram e WhatsApp, probabilmente è costato all'azienda decine di milioni di dollari di entrate. Facebook ha subito l'ultima volta un blackout come questo nel 2019, quando la rete ha chiuso per 14 ore. Un decennio prima, nel 2008, è andato al buio per un giorno. 

Tecnologia: I più letti