Mortal Kombat 11, i retroscena sull'iconico personaggio di RoboCop

Tecnologia
blog.it.playstation.com

Il celebre cyborg del cinema entrerà a far parte di “Mortal Kombat 11: Aftermath”, l’espansione legata al noto picchiaduro, a partire dal 26 maggio. Grazie a NetherRealm Studios è stato possibile scoprire alcune curiosità legate al progetto videoludico

“Mortal Kombat 11: Aftermath” è la nuova espansione legata al titolo del celebre picchiaduro, che sarà disponibile per tutti i fan della serie a partire dal 26 maggio. Il dlc, oltre ad ampliare il roster dei combattenti e ad aggiungere nuove skin e arene, includerà anche novità che riguardano la modalità “storia”, con eventi ambientati subito dopo quelli conclusivi della campagna originale. Uno dei nuovi personaggi in arrivo sarà RoboCop, figura iconica del cinema mondiale.

L’iconico cyborg

A spiegare come RoboCop entrerà a far parte del gioco e come gli sviluppatori si sono approcciati al progetto, Brendan George ha scritto un articolo che è stato pubblicato sul blog ufficiale di Playstation, una delle piattaforme che supporta Mortal Kombat 11, oltre ad Xbox One, Pc e Nintendo Switch. L’art lead di NetherRealm Studios, software house statunitense che ha sede a Chicago e che ha curato il titolo, ha scritto che lui ed il suo team sono entusiasti di continuare a realizzare i sogni degli appassionati di film di robot degli anni ’80 con l’aggiunta di RoboCop in MK 11: Aftermath. “Abbiamo appena rilasciato un nuovo trailer dell’azione di gioco che mostra RoboCop, insieme a Fujin e Sheeva”, scrive George. “Mi ricordo chiaramente di aver visto il film di RoboCop da bambino, ma a quei tempi ero fin troppo giovane. Ero così innamorato del film che chiesi il gioco di RoboCop per l’Amiga 500, ma riuscii a giocarci soltanto due volte prima che il disco si guastasse” ha aggiunto, sottolineando come sia “fantastico” giocare finalmente con un personaggio così iconico anche nel titolo che la sua azienda ha sviluppato.

L’incontro con Peter Weller

Ecco poi alcuni risvolti legati al progetto. “Nel nostro studio, non sono l’unico fan di RoboCop. Alcuni colleghi del mio team hanno statuette di ED-209 e RoboCop sulle loro scrivanie. Ne abbiamo persino scansionata una per utilizzarla come riferimento per il modello usato in Mortal Kombat 11”. Per procedere nel progetto, gli esperti informatici hanno avuto il privilegio di parlare direttamente con Peter Weller, celebre attore che nel 1987 è stato protagonista della pellicola dedicata al robot. “Essere in grado di scansionare e registrare Peter Weller per il modello di RoboCop, così come parlargli del ruolo, è stato prezioso. Mi ha fatto capire cosa significasse davvero vestire i panni del personaggio, consentendoci di catturare l’essenza di RoboCop”, ha spiegato l’esperto. Grande attenzione è stata data anche ai dettagli. “Come ricorderanno i fan di RoboCop, nel film originale “il personaggio aveva una tuta grigia, mentre in RoboCop 2 era molto più blu. Troverete entrambe queste opzioni nell’espansione di Aftermath”, ha concluso Geroge.

Un regalo da Sony

Sony, tra l’altro, ricorda sul proprio blog che acquistando in anticipo “Mortal Kombat 11: Aftermath” sarà possibile ricevere, in omaggio, un tema dinamico per PS4 con Raiden e Liu Kang, realizzato appositamente dal team di NetherRealm che contiene anche la musica del gioco.

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24