CES 2020, Samsung lancia la prima replica digitale di un essere umano

Tecnologia

Direttamente dalla più grande fiera della tecnologia che si sta svolgendo a Las Vegas, arriva Neon, il progetto di Samsung che intende creare un particolare sistema di avatar basato sull’intelligenza artificiale 

Si chiamano Neon e sono come "esseri umani artificiali" basati su un sistema di intelligenza artificiale, quasi “un nuovo tipo di vita", così come ha affermato Pranav Mistry, amministratore delegato di STAR Labs, acronimo di Samsung Technology & Advanced Research. Proprio il colosso della tecnologia è protagonista del lancio del primo essere umano artificiale al mondo, presentato al Ces 2020 che si sta svolgendo in questi giorni a Las Vegas. "Ci sono milioni di specie sul nostro pianeta e speriamo di aggiungerne un'altra. I Neon saranno i nostri amici, collaboratori e compagni. Impareranno ed evolveranno, formando continuamente ricordi dalle loro interazioni”, ha spiegato Mistry.

Come nasce Neon

Si tratta, in sostanza, di una sorta di avatar che appare su display, in grado di conversare e simpatizzare praticamente come una persona reale. Come spiega anche Bloomberg, non si tratta di un assistente virtuale, ma di una figura digitale del tutto personalizzata, progettata per essere un compagno di conversazione o di giochi, un attore o anche un presentatore tv. Alla base di questo progetto targato Samsung c'è una piattaforma tecnologica che l'azienda sta sviluppando, chiamata CORE R3 (Reality, Realtime and Responsive). Utilizzando le reti neurali e altre tecniche di intelligenza artificiale, CORE R3 è stata addestrata attraverso una miriade di informazioni su come gli esseri umani guardano, si comportano e interagiscono. Da qui è possibile “creare una realtà computazionale piuttosto realistica che va oltre la normale percezione comune", dicono da STAR Labs. Secondo il colosso tecnologico, Neon potrà dare risposte in poche frazioni di secondo e quindi essere disponibile anche per servizi alle aziende, “cercando di migliorare le interazioni del servizio clienti, facendo sentire i clienti come se avessero un amico".

Le curiosità dal Ces

Il Ces, nel corso di questa edizione, sta proponendo tantissime innovazioni, anche molto curiose. Tra queste rientra anche quella proposta da FasTeesH che ha presentato al pubblico “Y-Brush”, uno spazzolino dall’aspetto insolito progettato per pulire i denti, con una durata massimo di 10 secondi. Al posto della comune testina che troviamo nella maggior parte degli spazzolini, l’innovativo dispositivo, tramite il quale l’azienda francese intende reinventare il modo in cui ci si prende cura dei denti, ha una struttura che ricorda il paradenti utilizzato dagli sportivi, ricoperta interamente da setole di nylon. Y-Brush, secondo quanto comunicato dagli sviluppatori, è in grado di pulire ciascuna arcata dentale in 5 secondi.

Tecnologia: I più letti