Facebook: dai dipendenti 5 stelle a Portal su Amazon, ma è vietato

Tecnologia

Alcune delle migliori recensioni sullo smart display, utile per le videochiamate, sono state lasciate dai dipendenti di Facebook nonostante le norme di Amazon non lo consentano 

Se si guarda ad Amazon per valutare l’acquisto di Facebook Portal, il nuovo smart display messo recentemente in commercio da Menlo Park, bisognerebbe prendere con le pinze le recensioni del prodotto presenti sul portale. Alcune di queste sarebbero infatti state scritte proprio da alcuni dipendenti di Facebook, che neanche a dirlo hanno promosso a pieni voti il device assegnando il massimo, ovvero cinque stelle. Peccato però che si tratti di una pratica chiaramente vietata dalle regole di Amazon. A notare questa curiosità è stato Kevin Roose, giornalista del New York Times, che ha svelato l’accaduto su Twitter.

Facebook Portal, le recensioni Amazon dubbie

Un device che "funziona veramente bene”, offre “un’ottima qualità video” e un “fantastico rilevamento del movimento da parte della telecamera”. Selezionando le recensioni a cinque stelle di Facebook Portal si notano parecchi utenti entusiasti dell’acquisto effettuato. Curiosando però tra i tanti commenti Kevin Roose, giornalista del NYT, si è accorto che in ben tre casi i nomi dei recensori che avevano assegnato il massimo dei voti a Portal coincidevano con quelli di altrettanti dipendenti di Menlo Park, come si può leggere dai profili Facebook di queste stesse persone. Una di queste, Tim Chappel, premette all’inizio della sua recensione di “non essere un grande utilizzatore di Facebook o altri social network”. In tutto, sono circa un centinaio le opinioni che valutano Facebook Portal, utilizzato principalmente per fare videochiamate, con il punteggio di cinque stelle: per almeno tre di queste, tuttavia, permarrebbe qualche dubbio riguardo all’autenticità.

La risposta di Facebook

Come accade per tutti i recensori, anche nei tre casi citati Amazon conferma che le persone in questione hanno effettivamente completato l’acquisto, ottenendo dunque la possibilità di scrivere la propria valutazione su Facebook Portal. Ma guardando alle regole del sito di e-commerce, si legge che “è proibito recensire i prodotti o servizi propri, di parenti, amici, soci in affari o datori di lavoro”. Al post pubblicato da Roose su Twitter ha in seguito risposto anche Andrew Bosworth, manager di Facebook, che ha sottolineato come l’azienda abbia chiesto esplicitamente a tutti i propri dipendenti di non lasciare recensioni per i prodotti venduti attraverso Amazon. Un appello che, tuttavia, pare essere rimasto inascoltato: secondo Bosworth, Menlo Park rimedierà chiedendo agli autori di cancellare i propri commenti.

Tecnologia: I più letti