Norvegia, tutti i voli brevi saranno al 100% elettrici entro il 2040

Tecnologia
GettyImages-aereo_norvergia

Per consolidare il proprio ruolo di pionieri nei trasporti elettrici, Avinor ha annunciato che i combustibili fossili non alimenteranno più i voli a corto raggio, sostituiti dalla sola energia elettrica

Oltre ad avere il numero più alto di auto elettriche al mondo, la Norvegia mira a conquistare un altro primato. Entro il 2040 nel Paese scandinavo tutti i voli a corto raggio saranno fatti con aerei elettrici. Ad annunciarlo è Dag Falk-Petersen, presidente esecutivo dell'operatore pubblico aeroportuale norvegese Avinor. L'obiettivo: diventare il primo Paese al mondo a trasformare il trasporto aereo da un problema ambientale a una soluzione.

Solo elettricità per i voli brevi

La visione di Falk-Petersen parte da una semplice convinzione. "Pensiamo che tutti i voli che durano fino a un'ora e 50 minuti possano essere fatti con aeromobili alimentati interamente con elettricità", ha dichiarato al Guardian. Questo è il tempo impiegato in media sia per volare all'interno della Norvegia sia per raggiungere i Paesi scandinavi limitrofi. Per testare la validità del progetto, a partire dal 2025 Avinor confezionerà offerte di viaggio su una rotta commerciale con piccoli aeroplani da 19 posti. Per raggiungere l'obiettivo prefissato entro il 2040, Avinor non userà solo velivoli elettrici, ma opererà una transizione utilizzando biocarburanti e velivoli ibridi.

Il primato elettrico della Norvegia

La Norvegia è il più grande produttore di gas e petrolio in Europa, nonché il leader mondiale nel campo dei trasporti elettrici. Ha più veicoli elettrici su strada di ogni altro Paese al mondo. Nel 2017 più della metà delle nuove auto immatricolate in Norvegia sono state elettriche o ibride. Nella visione di Falk-Petersen, raggiungere l'obiettivo di rendere elettrici anche i voli interni e a corto raggio significherà rendere il trasporto aereo da problema a soluzione per l'inquinamento atmosferico.

I progetti Airbus e Boeing

Oltre a non aumentare l'inquinamento atmosferico, i velivoli elettrici aiuteranno a ridurre l'inquinamento acustico e i costi di volo. Al momento sia Boeing che Airbus stanno esplorando la possibilità di fabbricare aerei elettrici. Nello scorso anno Airbus ha abbandonato il progetto di un aereo elettrico al 100%, virando sullo sviluppo di un modello ibrido, in collaborazione con Rolls Royce e Siemens. Si attende il primo esemplare di questa linea entro il 2020. La compagnia è anche impegnata anche nella sperimentazione dei taxi volanti a guida autonoma. Boeing, in collaborazione con Zunum Aero, sta lavorando a un modello simile, che verrà immesso sul mercato entro il 2022.

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.