Ford, parti di automobili stampate in 3D: iniziano i test

Alcuni pezzi prodotti dalla stampante 3D Infinite Build (foto: Ford)
1' di lettura

Il gruppo americano sta sperimentando produzioni alternative: servirebbero a velocizzare lo sviluppo del prodotto, abbattere i costi e garantire componenti personalizzati

Volante, cruscotto e sedili: in un futuro non troppo lontano potrebbero essere stampati in 3D. Dopo i primi test, Ford ha iniziato a sperimentare questo tipo di tecnologia "su larga scala". Non significa che sarà già applicato alla produzione ma che potrebbe essere utilizzato per componenti automobilistici sempre più grandi e complessi. Per farlo, la casa statunitense si è affidata a Infinite Build, stampante 3D sviluppata da uno dei leader del settore, Stratasys.

Obiettivo: personalizzazioneSecondo Ford, questo tipo di tecnologia potrebbe rappresentare "una svolta nell'industria automobilistica" perché consente di "fabbricare parti di ogni forma e lunghezza" a costi ridotti. La stampa 3D applicata alle quattro ruote renderebbe quindi il processo produttivo "più efficiente". L'obiettivo (almeno per il momento) non è sostituire la catena produttiva classica (la stampa "non è ancora abbastanza veloce", dice Ford). Il gruppo mira piuttosto a offrire un'opzione in più. La stampa 3D, si legge in una nota diffusa dal gruppo, sarebbe "affidabile" ed economicamente conveniente per la produzione di componenti "personalizzati" o indirizzati ai veicoli "con volumi produttivi ridotti". In altre parole: i modelli di largo consumo continueranno ad essere prodotti e assemblati in modo tradizionale. Con le stampanti si potranno offrire servizi "su misura".

 

 

I vantaggi della stampa in 3D - Il nuovo sistema non sarebbe rivolto solo agli utenti finali. Consentirebbe anche, sottolinea Ellen Lee, responsabile delle nuove tecnologie Ford, di "accelerare lo sviluppo di nuovi prodotti", riducendo i tempi di passaggio dal disegno al prototipo e dal prototipo alla produzione.
La stampa 3D potrebbe essere un'opportunità per il settore automobilistico: oltre a una maggiore agilità produttiva, i componenti – anche grazie alla ricerca sui materiali – sarebbero più leggeri, contribuendo ad abbattere il consumo di carburante. Ad esempio, sottolinea Ford, "un alettone stampato potrebbe pesare meno della metà rispetto alla sua versione in metallo".  

Leggi tutto
Prossimo articolo