Sci, doppietta di Sofia Goggia in Val d'Isere: vince discesa e Super G

Sport
©Ansa

L’azzurra ha trionfato sia il 18 che il 19 dicembre nelle due gare delle discipline veloci. Dopo questi due successi, l'italiana incrementa il suo primato nella classifica generale di Coppa del mondo femminile. Oggi altre grandi soddisfazioni per l'Italia: Curtoni terza e Brignone quarta

Sofia Goggia è inarrestabile: l’azzurra, il 18 dicembre, ha vinto la discesa libera in Val d’Isere, per poi ripetersi oggi, appena 24 ore dopo, con il successo in Super G che l'ha portata di nuovo sul gradino più alto del podio.

La vittoria di Sofia Goggia in discesa

approfondimento

Sci, fantastica tripletta di Sofia Goggia: vince anche il SuperG

In discesa ieri l’azzurra aveva preceduto ancora una volta la statunitense Breezy Jonhnson e l'austriaca Myriam Puchner. L'assenza di Mikaela Shiffrin - che aveva preferito concentrarsi sulla gara di oggi, chiusa al quinto posto - aveva aiutato Goggia che, con la vittoria, era salita in testa alla classifica generale. Da ricordare che in Val d'Isere non ha gareggiato un’altra delle avversarie più temibili per l'italiana: la svizzera Lara Gut- Behrami. Un tampone dopo sintomi di influenza ha costretto in quarantena per Covid lei e due componenti del suo team. Salterà anche i due slalom giganti di martedì e mercoledì a Courchevel.

 

 

Ancora prima in Super G

Oggi Sofia è riuscita a ripetere l'impresa in Super G, sciando più veloce di tutte e consolidando così ulteriormente il suo primo posto nella classifica generale di Coppa del mondo femminile. Alle spalle della Goggia si è piazzata la norvegese Ragnhild Mowinckel che, in 1'19"56, ha spaccato un podio che altrimenti sarebbe stato solo azzurro. Infatti in terza posizione c'è Elena Curtoni, al settimo podio in Coppa con il tempo di 1'19"74, mentre è quarta Federica Brignone.

Goggia: "Ci ho messo un cuore enorme"

approfondimento

Sci, doppia vittoria per Sofia Goggia nella discesa a Lake Louise

"Non ho sciato forse benissimo su una pista da scivolatrici in tanti tratti ed io quando si va sotto i 100km orari faccio un po' fatica. Ma ci ho messo un cuore enorme. Ho vinto la gara per il mio coraggio e per la mia voglia di riuscirci . Fisicamente mi sento più solida e prestante. Ho materiali ed allenatori ottimi e io so che in ogni gara - aveva detto Sofia parlando della sua discesa ieri - bisogna dare qualcosa di più perché dietro le altre spingono". E così oggi è stata la volta di un’altra gara e di un altro successo.

Sport: I più letti