Euro 2020, oggi Italia-Austria. Mancini: "Voglio continuare a divertirmi"

Sport

Gli azzurri sono a Londra, dove stasera è in programma la sfida valida per gli ottavi di finale. Nella conferenza stampa della vigilia il ct ha detto: "Quando si gioca a Wembley bisogna rispettarlo". Bonucci: "Inginocchiarci? Dobbiamo ancora decidere". L'allenatore ha un solo dubbio a centrocampo per l'11 iniziale: Verratti sembra favorito su Locatelli

"Da ct mi sono divertito molto, voglio continuare a divertirmi grazie a questi ragazzi". Sono le parole del ct azzurro Roberto Mancini alla vigilia di Italia-Austria, ottavo di finale di Euro 2020, in programma stasera alle 21 a Wembley (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE). "Giocare a Wembley deve essere un piacere, ci sono giocatori che non ci riescono mai: lo stadio merita di giocare bene". E sulla questione delle polemiche relative a Italia-Galles, quando soltanto cinque giocatori azzurri si sono inginocchiati al fischio d’inizio in segno di protesta contro il razzismo, Mancini ha detto: "Non vorrei parlarne, e comunque io sono per la libertà. Chi vuole si inginocchia, chi non vuole no". Sull'iniziativa Leonardo Bonucci, in conferenza stampa insieme al ct, ha spiegato che la squadra deve ancora decidere: "Così come avevamo fatto con il Galles, faremo una riunione tra tutti noi per decidere sul da farsi". Per quanto riguarda la formazione, il dilemma è quello tra Locatelli e Verratti: salgono le quotazioni per il giocatore del Psg, favorito sul centrocampista del Sassuolo (IL TABELLONE DEGLI OTTAVI).

Mancini: "Quando si gioca a Wembley bisogna rispettarlo"

leggi anche

Euro 2020, l’Italia batte l’Austria 2-1 e vola ai quarti. HIGHLIGHTS

È stata una vigilia densa di impegni per gli azzurri: ieri, dopo l’allenamento a Coverciano, sono partiti alla volta di Londra e dopo una soste in hotel hanno effettuato una "ricognizione" sul terreno di gioco di Wembley, prima della conferenza stampa.  "Quando si gioca in un tempio del calcio come Wembley bisogna rispettarlo e giocare bene", ha detto Mancini. "Sto vivendo bene questa vigilia, e anche la squadra. Giocare a Wembley deve essere un piacere, ci sono giocatori che in una vita non ci giocano mai. Dobbiamo giocare bene, perché lo stadio lo merita. E sono certo che chiunque scenderà in campo domani, giocherà bene".

Bonucci: "Siamo tutti contro il razzismo"

"Parleremo e se decideremo per il sì, la faremo - ha spiegato Bonucci sull'iniziativa di inginocchiarsi contro il razzismo. "Siamo tutti contro il razzismo, se ci sarà da parte di tutti la voglia e l'idea di fare un gesto contro il razzismo, la federazione lo dirà all'Uefa".

La probabile formazione dell’Italia

vedi anche

Euro 2020: Italia-Galles 1-0, Azzurri primi nel girone A. HIGHLIGHTS

Nonostante l’ottima prova con la Turchia e la doppietta alla Svizzera, Locatelli non è certo di partire dall’inizio contro gli austriaci. Anzi salgono le quotazioni per un posto da titolare di Verratti che, al rientro dopo l’infortunio contro il Galles, ha sfoderato una prestazione super. Per il resto la formazione sembra essere fatta. Un 4-3-3 con Donnarumma in porta, Di Lorenzo e Spinazzola esterni difensivi, Bonucci e Acerbi centrali. In mezzo Jorginho perno centrale con ai suoi fianchi Barella e, appunto, uno tra Locatelli e Verratti. Davanti il tridente delle prime due gare: Berardi, Immobile, Insigne.

La probabile formazione dell’Austria

vedi anche

Euro 2020, ottavi Italia-Austria. Passano Danimarca e Belgio. VIDEO

Il ct dell’Austria Franco Foda, che ha origini veneziane, sta studiando un 4-1-4-1 e ha un paio di dubbi, uno legato alle condizioni di Hinteregger, che nell’ultima partita ha riportato una contusione alla coscia. Questa la probabile formazione: Bachmann; Lainer, Hinteregger (Lienhart), Dragovic, Alaba; Grillitsch; Laimer, Schlager, Sabitzer, Baumgartner; Arnautovic (Kalajdzic).

I precedenti di Italia-Austria

leggi anche

Euro 2020, il tabellone degli ottavi di finale

Gli azzurri sono imbattuti nelle ultime 13 sfide contro l'Austria (10 vittorie e 3 pareggi), l’ultima sconfitta è datata dicembre 1960 (1-2, in amichevole). L'Italia ha vinto tutte le quattro sfide contro l'Austria tra Mondiali e Europei, tutte nella Coppa del Mondo: 1-0 nel 1934, 1-0 nel 1978, 1-0 nel 1990 e 2-1 nel 1998. Indimenticabile l’1-0 del 1990 che segnò l’inizio della favola Schillaci. Nell'agosto 2008 l’ultimo incrocio: pareggio in amichevole per 2-2. Era la prima partita del Lippi-bis. A Nizza gli azzurri andarono in svantaggio di due reti dopo appena 40’, poi la rimonta firmata da Gilardino e da un autogol.

Sport: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Non perderti le tue notizie locali

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.