Olimpiadi di Tokyo, si va verso tamponi Covid giornalieri agli atleti

Sport
©Getty

Secondo alcune fonti, si valuta un tampone al giorno per i partecipanti, piuttosto che test con una cadenza di 4 giorni, come attualmente previsto. La scorsa settimana la presidente del comitato organizzatore, Seiko Hashimoto, aveva detto che una maggiore frequenza dei tamponi sarebbe stata considerata in linea con la diffusione delle varianti del virus

Durante le Olimpiadi di Tokyo, gli atleti potrebbero essere sottoposti a tamponi giornalieri per determinare la presenza o meno del coronavirus, piuttosto che con una cadenza di 4 giorni, come attualmente previsto. A rivelarlo, all'agenzia Kyodo, sono fonti a conoscenza del dossier al momento all'esame del comitato organizzatore. L'obiettivo ora sarebbe quello di non compromettere la simultanea campagna di vaccinazione che si dovrà svolgere regolarmente per la popolazione, con l'adeguata presenza di personale medico. Gli organizzatori dell’evento olimpico e il governo metropolitano stanno valutando se una simile operazione possa essere condotta durante i raduni pre-estivi, nelle diverse località del Giappone (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE SUL COVID).

Le tempistiche per i tamponi

approfondimento

Olimpiadi Tokyo 2021, media giapponesi: “No a spettatori stranieri”

La scorsa settimana, la presidente del comitato organizzatore di Tokyo, Seiko Hashimoto, aveva detto che una maggiore frequenza dei tamponi sarebbe stata considerata in linea con la diffusione delle varianti del virus. A dicembre, invece, una commissione interna dei Giochi sulle contromisure da adoperare durante l'evento, segnalava che i test medici sugli atleti partecipanti sarebbero stati condotti a distanza di 96-120 ore. La prima edizione del Playbook distribuito agli sportivi in febbraio, parlava invece di tamponi somministrati ogni 4 giorni.

La questione dei vaccini per gli atleti

Ad oggi non esiste l'obbligo di vaccinazione per gli atleti che intendono prendere parte alle Olimpiadi. Inoltre, di recente, il presidente del Comitato internazionale (Cio), Thomas Bach, ha riferito che il comitato sportivo cinese ha offerto la sua disponibilità delle scorte di vaccini per chi partecipa a Tokyo. Alla proposta, la presidente Hashimoto ha però espresso le sue riserve, osservando di non escludere "un considerevole livello di preoccupazione al riguardo per gli atleti", e aggiungendo di volere risolvere la questione internamente con il governo giapponese.

Sport: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.