Coronavirus, Usain Bolt positivo al test: è in isolamento

Sport
©Getty

Il primatista mondiale dei 100 e 200 metri piani ha confermato la sua positività attraverso i social network. Un contagio che potrebbe essere avvenuto durante la sua recente festa di compleanno. Party a cui hanno partecipato anche Raheem Sterling del Manchester City e Leon Bailey del Bayer Leverkusen

Usain Bolt è positivo al coronavirus. A confermarlo è lo stesso campione giamaicano attraverso un video pubblicato su Twitter e Instagram. Il primatista mondiale dei 100 e 200 metri piani ha così annunciato di essere stato contagiato e l'ha fatto dal suo letto, in isolamento. La notizia del contagio era già stata anticipata dalla giamaicana Nationwide XJ e ripresa dai tabloid inglesi. (LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI LIVE)

"Non ho sintomi, aspetto il protocollo da seguire"

leggi anche

Usain Bolt vince una gara in assenza di gravità

"Buongiorno a tutti, mi sono svegliato e ho visto sui social la notizia che sono risultato positivo al Covid-19. Voglio essere responsabile, quindi starò in isolamento per il mio bene e quello dei miei amici. Non ho sintomi, ma sono in quarantena e aspetterò di sapere quale sarà il protocollo da seguire. Me la prendo con calma", sono state queste le prime parole di Usain Bolt una volta scoperta la positività al Coronavirus. Usain Bolt in carriera ha conquistato ben otto medaglie d'oro olimpiche in tre edizioni dei Giochi (Pechino 2008, Londra 2012 e Rio de Janeiro 2016) e undici titoli mondiali

Forse contagiato alla sua festa di compleanno

Il 21 agosto Usain Bolt ha compiuto 34 anni e potrebbe essere stata proprio la sua festa di compleanno l'occasione del contagio. Il party è stato organizzato nella casa dove il plurimedagliato olimpico vive con la compagna, la modella Kasi Bennet, che il 18 maggio è diventata mamma di Olympia Lightning Bolt. All'evento, inoltre, c'erano molti ospiti celebri, alcuni appartenenti al mondo dello sport come il connazionale Leon Bailey, 23enne attaccante del Bayer Leverkusen, e Raheem Sterling del Manchester City; ma anche il dj e cantante reggae Ding Dong Ravers. Secondo alcune testimonianze nessuno degli ospiti alla festa avrebbe indossato mascherine. 

Sport: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.