Coronavirus nel tennis, dopo Dimitrov positivi anche l'allenatore di Djokovic e Coric

Sport
©Getty

Nuovi casi all'Adria Tour organizzato dal tennista serbo dopo quello che ha riguardato Grigor Dimitrov. Tra gli infettati dal coronavirus c'è il tennista Borna Coric. Nole deciderà se fare il tampone 

AGGIORNAMENTO 23 GIUGNO: ANCHE DJOKOVIC POSITIVO

Allarme Covid-19 nel tennis internazionale. Dopo la positività del bulgaro Grigor Dimitrov, che ha portato alla sospensione del torneo di Zara, sono arrivate anche quelle di Borna Coric e del tecnico di Novak Djokovic, Marko Paniki (LIVE CORONAVIRUS). La finale del torneo, inserito nel circuito di beneficenza Adria Tour, si sarebbe dovuta disputare proprio tra Djokovic e Rublev, ma era già stata cancellata nella giornata del 21 giugno.

Il tweet di Coric

"Salve a tutti, voglio informavi che sono stato testato positivo al Covid-19 – ha twittato Coric, numero 23 del ranking mondiale - Voglio assicurarmi che tutti quelli che sono stati in contatto con me negli ultimi giorni facciano il test. Sono davvero dispiaciuto per ogni danno che possa aver causato. Sto bene e non ho alcun sintomo. Per favore, state al sicuro e in salute! Tanto amore per tutti!". Coric aveva da poco giocato proprio contro Dimitrov.

Test anche per il premier croato Plenkovic

approfondimento

Djokovic positivo al Coronavirus, annullato torneo tennis Adria Tour

Immediata è scattata la macchina dei controlli incrociati, a cui si è sottoposto, con esito negativo, anche il primo ministro croato Andrej Plenkovic, che sabato aveva incontrato Djokovic, Cilic e Ivanisevic a Zara. Dimitrov, intanto, si è scusato con tutte le persone con cui è entrato in contatto invitandole a svolgere i controlli necessari. Potrebbe trattarsi di centinaia, forse migliaia di persone che il tennista bulgaro ha incrociato a Zara. Positivo anche l’allenatore di Dimitrov, Christian Groh. 

Djokovic deciderà se fare il tampone

approfondimento

Coronavirus, Crisanti: “Virus si sta spegnendo? Sono solo chiacchiere”

Novak Djokovic è intanto tornato in Serbia e non ha ancora deciso se fare il tampone o meno. Il tennista serbo ha fatto spesso discutere per le sue posizioni no vax, ribadite anche in relazione al Covid-19: “Se mi costringeranno a fare il vaccino per giocare, potrei decidere di ritirarmi”, aveva detto in un’intervista. Altri tennisti sono già stati messi in autoisolamento domiciliare, come il croato Marin Cilic. L’Adria Tour era stato ideato da Djokovic proprio per celebrare il ritorno al tennis giocato dopo lo stop di marzo. Dopo le tappe di Belgrado e Zara avrebbe dovuto toccare Banja Luka e Sarajevo, in Bosnia-Erzegovina. Gli organizzatori sono stati criticati per non aver disposto misure di sicurezza anti contagio, come testimonato da molte foto pubblicate sulla stampa.

Sport: I più letti