Il Trono di Spade: chi potrebbe essere il Re della Notte?

Con l’ottava stagione de Il Trono di Spade che ha preso ufficialmente il via su Sky Atlantic, fioccano le teorie (alcune delle quali decisamente fantasiose) su chi possa essere il temibile Re della Notte alla guida degli Estranei e dell’esercito di non morti che minaccia di spazzare via l’umanità da Westeros. - L'ottava e ultima stagione di Game of Thrones è in onda ogni lunedì alle 03.00 in versione originale sottotitolata (poi in replica la sera dopo gli episodi in italiano) e alle 21.15 in versione doppiata a partire dal 22 aprile.

Il Trono di Spade 8, scopri tutto nello speciale sulla serie

L’ottava e ultima stagione de Il Trono di Spade è cominciata su Sky Atlantic, e già sappiamo chi sarà uno dei personaggi chiave, anche se in negativo, della conclusione dello show di culto. Stiamo ovviamente parlando del Re della Notte, il leader degli Estranei e dell’esercito di non morti (giganti e un drago compresi) che stanno marciando su Westeros.

Chi sia il Re della Notte, lo abbiamo già spiegato in questo articolo. Ma su chi sia veramente il villain venuto dal freddo - nel senso quale sia la sua effettiva identità, nome e cognome - sono solo possibili speculazioni, perché la verità la scopriremo solo (ed eventualmente, perché nulla è garantito) continuando a guardare il Trono di Spade.

Questo, tuttavia, non ha scoraggiato i fan più arditi dall’azzardare varie ipotesi in proposito. La più popolare delle quali è senza dubbio quella che vede il veggente Bran Stark nei panni del Re della Notte. Già in precedenza, infatti, il giovane si era trovato a “pasticciare” con lo spazio-tempo, finendo per cuocere il cervello a Hodor e trasformarlo nel personaggio che tutti conosciamo.

Secondo questa teoria, Bran avrebbe provato a più riprese a viaggiare nel passato per fermare gli Estranei, incarnandosi magari in personaggi storici di Westeros come Bran il Costruttore, senza però mai riuscirci.

E se durante questi suoi viaggi si fosse verificato un altro incidente, nel corso del quale Bran si è ritrovato intrappolato all’interno del corpo del re degli Estranei? Magari proprio in seguito a un tentativo di entrare nella mente dell'uomo trasformato in Re della Notte. Dopotutto, il misterioso essere sembra proprio determinato a “tornare a casa” a Grande Inverno, senza contare lo sguardo interessato che rivolge a Jon Snow quando si ritrova faccia a faccia con lui a Hardhome.

Per quanto non del tutto irrealistica, questa teoria non si basa comunque su molte prove. C’è allora chi ha provato ad allargare un po’ il campo suggerendo che il Re della Notte sia uno Stark in generale. Dopotutto, è probabile che l’uomo trasformato dai Figli della Foresta nel primo degli Estranei fosse un uomo del nord. Quindi, perché no?

Decisamente meno convincente chi sostiene che il Night King fosse un tempo un Guardiano della Notte, poi trasformatosi in Estraneo. Questa tesi si basa per lo più sui libri di George R.R. Martin e su un personaggio simile, soprattutto nel nome, ma non coincidente con quello della serie tv, ovvero il Night’s King, un Guardiano innamoratosi di un’Estranea e divenuto il loro re dopo averla sposata.

C’è però un problema: i Guardiani sono stati creati per arginare gli Estranei, per cui sono un effetto di questi, non la loro causa. Sempre che il primo Estraneo non sia il Re della Notte, o ancora che – e qui arriviamo a un’altra tesi – il primo Re della Notte non sia lo stesso che vediamo nello show in onda su Sky Atlantic, perché si tratta di una nomina che passa di individuo in individuo, come quella di Corvo con Tre Occhi. E a proposito di Corvo con Tre Occhi, c’à ancora chi è convinto che il Re della Notte fosse un tempo uno dei Corvi con Tre Occhi. Uno dei, per l’appunto, non quello che precede Bran, né lo stesso Bran.

Ci sono infine teorie decisamente più fantasiose, come quella che vorrebbe il Re della Notte come un Targaryen. Questa idea si basa sul semplice fatto che il villain sia in grado di cavalcare il drago zombificato di Daenerys, ma è più probabile che questa sua capacità derivi dal suo controllo sulle creature che resuscita.

Andando a pescare nel passato di Westeros, qualcuno suggerisce che Azor Ahai, il mitologico personaggio che secondo le leggende avrebbe posto fine alla Lunga Notte, sarebbe il Re della Notte: per fermare il male, infatti, si sarebbe dovuto trasformare nella sorgente del male stesso. Una possibilità, questa, che non si basa però su alcuna evidenza.

Le opinioni su chi sia davvero il Re della Notte sembrerebbero finire qui. Ma ce n’è un’ultima, decisamente più semplice e forse anche più convincente, secondo cui il capo degli Estranei sarebbe semplicemente un tizio qualunque, così sfortunato da finire nelle grinfie dei Figli della Foresta ed essere trasformato in una macchina da guerra. Il che spiegherebbe il perché del suo accanimento nei confronti degli uomini: ucciderli, dopotutto, è lo scopo per cui è stato creato.

L'ottava e ultima stagione di Game of Thrones è in onda ogni lunedì alle 03.00 in versione originale sottotitolata (poi in replica la sera dopo gli episodi in italiano) e alle 21.15 in versione doppiata a partire dal 22 aprile.

 

SCOPRI DI PIU'

Tutte le recensioni dell'ottava stagione de Il Trono di Spade

10 buoni motivi per vedere (e rivedere, e rivedere, e rivedere) il Trono di Spade

Il Trono di Spade 8: la trama delle stagioni precedenti

Tutte le infografiche sulle stagioni de Il Trono di Spade

Il Trono di Spade, lo speciale sulla serie

Il Trono di Spade: la mappa dei Sette Regni

Il Trono di Spade: i motti e i simboli delle casate dei Sette Regni

"Gnocchi" di Spade: tutti i belli del Trono

Dove è stato girato Il Trono di Spade: tutte le location

Game of thrones, chi è e cosa vuole il Re della Notte