Il Trono di Spade 8, ecco finalmente il trailer, spettacolare, della stagione finale

Questa non è un'esercitazione, questa non è un'esercitazione!! HBO ha FINALMENTE rilasciato il trailer dell'ottava e ultima stagione di Game of Thrones , in onda su Sky Atlantic in prima tv per l'Italia in contemporanea con gli U.S.A. a partire dal 15 aprile alle 03.00: GUARDA IL VIDEO e scopri di più - Game of Thrones 8: i bellissimi ritratti dei personaggi di EW

Il Trono di Spade 8, scopri tutto nello speciale sulla serie Il Trono di Spade 8, cosa capiamo dal primo teaser trailer

A poco più di un mese dal debutto dell'ottava e ultima stagione de Il Trono di Spade (14 aprile negli U.S.A. e 15 aprile, alle 03.00, in Italia, causa fuso orario), HBO ha finalmente rilasciato il primo trailer ufficiale, 1 minuto e 45 secondi che dicono tanto senza dire niente in maniera troppo esplicita. D'altronde, il compito di un buon trailer di lancio è proprio questo: far vedere qualcosa di nuovo e far intendere cosa forse, probabilmente, possibilmente, vedremo, e, allo stesso tempo, rivelare il meno possibile. Beh, missione compiuta.

Dopo il teaser ambientato nella cripta di Grande Inverno, teaser girato appositamente a scopo promozionale, dopo le prime immagini e dopo i character poster, ecco finalmente qualcosa di totalmente inedito. Il trailer, infatti, è interamente composto da sequenze e scene mai viste prima. Ma cosa succede di preciso? Andiamo ad analizzare il video nel dettaglio.

IL TRONO DI SPADE 8, IL TRAILER: DA CHI SCAPPA ARYA?

Il trailer di Game of Thrones 8 si apre con il volto di Arya sporco di sangue. La giovane Stark respira rumorosamente, sembra terrorizzata. Chi, o forse sarebbe il caso di dire cosa, le ha gelato il sangue nelle vene? Vediamo Arya decidersi, fare uno scatto e mettersi a correre. Non sembra si trovi sottoterra, c'è poca luce, ma si vedono chiaramente delle finestre. Non si può per ora dire con certezza se si trovi a Grande Inverno o se, invece si trovi da qualche altra parte. A occhio e croce, però, ci sembra proprio che si trovi dentro la fortezza storica della sua casata. Arya corre, fugge, e si guarda indietro.

Le parole che le sentiamo pronunciare in voice over - e intanto vediamo Ser Davos sui muri di cinta, in compagnia delle truppe, e un decisamente preoccupato Lord Varys - sono in netto contrasto con la sua corsa disperata: I know Death, it's got many faces. I look forward to seeing this one (Conosco la Morte, ha molte facce. Non vedo l'ora di vedere anche questa).

Certo, la Arya che pronuncia questa frase è probabilmente la Arya del primo episodio - quella che è stata ragguagliata da Jon sull'imminente scontro con il Re della Notte e gli Estranei, infatti mentre parla tiene in mano un'arma fatta di vetro di drago -, mente la Arya che scappa è quasi sicuramente l'Arya di almeno metà stagione. La domanda è: cos'è successo tra una Arya e l'altra? Come si è passati da un'Arya che trasuda sicurezza, quasi al limite dell'arroganza, a un'Arya terrorizzata, in fuga e senza fiato? E' dalla Montagna che la giovane Stark sta scappando, o è dai non-morti? Soprattutto: sta veramente scappando? O sta traendo in trappola il suo nemico?

IL TRONO DI SPADE 8, IL TRAILER: EURON E LA COMPAGNIA DORATA

Dopo lo stacco a nero vediamo tre navi che battono la bandiera della casa Greyjoy. Quasi sicuramente sono le navi di Euron (improbabile che siano quelle di Theon), che sta tornando ad Approdo del Re insieme alla Compagnia Dorata, la famosa e famigerata compagnia di mercenari di Essos citata nella stagione 7 (compagnia in cui, peraltro, avrebbe militato anche Ser Jorah). Non che avessimo mai avuto dubbi in merito, ma ciò significa che Euron è dunque sempre stato d'accordo con Cersei.

Da una parte avremo dunque una lotta per la sopravvivenza dell'intero genere umano, una lotta tra la vita e la morte, tra la luce e le tenebre, dall'altra avremo invece una lotta per la restaurazione della giustizia e per la vendetta di una serie di torti ingiustamente subiti, una lotta tra casate. E, siamo sicuri, Cersei non si tirerà indietro. Resta da capire l'ordine in cui avverranno le battaglie: Daenerys, Jon e compagni affronteranno prima il Re della Notte, oppure prima si scontreranno con Cersei? E' probabile che l'ordine sarà questo - prima i non-morti, poi la leonessa -,ma è altrettanto probabile che le forze della notte possano attaccare su più fronti. Ad ogni modo, è probabile che la Compagnia Dorata si scontrerà con l'esercito (senza dubbio decimato) dei vivi, e non con quello dei morti.

IL TRONO DI SPADE 8, IL TRAILER: TORMUND, BERIC E EDD SONO VIVI

Dopo una brevissima occhiata alla Compagnia Dorata torniamo sul Continente Occidentale. In voice over sentiamo Bran pronunciare la seguente frase: Everything you did brought you where you are now (Ogni cosa che hai fatto ti ha condotto fin qui). Intanto vediamo Tormund, Beric e Edd vivi e vegeti camminare lungo un alto corridoio (forse sono tornati a Castello Nero?) illuminato solo dalla spada di Dondarrion. Nella scena successiva vediamo Sam e Bran, e il primo sembra toccato dalle parole del giovane veggente. Che Bran stia parlando proprio a Sam? E' a lui che ha detto quella frase? Impossibile dirlo. 

Subito dopo sentiamo ancora Bran in voice over, si tratta del prosieguo della frase riportata sopra: Where you belong. Home. (Nel posto a cui appartieni. A casa). Ora: è vero che fare supposizioni basandosi sui trailer è quasi ridicolo - i trailer, specialmente quelli di serie tv e film attesissimi, sono confezionati appositamente per far venire dubbi, per stuzzicare la curiosità, a volte addirittura mentono sapendo di mentire! -, ma il fatto che in corripondenza di "Where you belong" si vedano la Fortezza Rossa e una Cersei con stampato in faccia il suo solito sorrisino arrogante e che in corrispondenza di "Home" si veda invece l'esercito degli Immacolati che arriva a Grande Inverno, beh, tutto questo ci fa pensare. Perché associare Sam alla Fortezza Rossa e alla Regina della casa Lannister? E perché associarlo a Grande Inverno? Non è certamente da escludere che Bran stia in realtà parlando con qualcun altro, ma per adesso possiamo basarci solo su quanto abbiamo davanti agli occhi.

IL TRONO DI SPADE 8, IL TRAILER: DAENERYS E JON A GRANDE INVERNO, PER LA GIOIA DI SANSA

E' molto più probabile che l'"Home" pronunciato da Bran sia in realtà collegato a quanto si vede poco dopo, cioè Daenerys e Jon in marcia insieme agli Immacolati, pronti a entrare a Grande Inverno. La fortezza storica degli Stark è l'unica vera casa che Jon abbia mai avuto, e nel suo cuore lo sarà per sempre. I Jonaerys si presentano più come alleati che come Sovrana dei Sette regni e Lord Protettore del Nord. Cavalcano fianco a fianco, sono a tutti gli effetti una coppia di pari. E sono anche una coppia in senso romantico, non dimentichiamolo. Le teorie su un possibile erede di Jon e Dany si sprecano, vedremo se sarà così.

Ad accompagnare l'arrivo delle truppe amiche sono Drogon e Rhaegal: per la prima volta due draghi volano sopra le torri di Grande Inverno. Sulla faccia di Sansa c'è ovviamente stupore - chi non rimarrebbe a bocca aperta trovandosi sopra la testa due bestie del genere! - ma, come abbiamo avuto modo di vedere in un primo rilascio risalente addirittura all'inizio di gennaio, tra la giovane Stark e la Madre dei Draghi almeno all'inizio ci sarà un pochino di ghiaccio...

A parlare, sempre in voice over, è poi Jon: They're coming. Our enemy doesn't tire. Doesn't stop. Doesn't feel. (Stanno arrivando. Il nostro nemico non si stanca, non si ferma, non sente niente). Mentre l'ex Re del Nord parla, il trailer ci mostra i Jonaerys nella cripta di Grande Inverno, forse di fronte alla tomba di Lyanna Stark: sembra una scena molto intima, al punto che viene da chiedersi se finalmente Bran abbia rivelato a Jon la verità sulle sue origini. Ad ogni modo, La Madre dei Draghi e l'ex bastardo della casa Stark sono ormai vicinissimi, in tutti i sensi.

Non manca Gendry, alla guida di una squadra di fabbri, perché bisogna preparare quante più armi possibili, e non manca neanche Ser Jorah, in piena salute e in sella al suo destriero. C'è poi un'altra coppia, oltre ai Jonaerys: quella formata da Missandei e Verme Grigio, forse la storia d'amore più tenera di tutta la serie. In un susseguirsi veloce vediamo poi Jaime in battaglia e la stanza del Trono della Fortezza Rossa praticamente vuota, eccezion fatta per la Regina Cersei, Qyburn, la Montagna e altri quattro personaggi non ben identificabili. Di chi potrebbe trattarsi?

IL TRONO DI SPADE 8, IL TRAILER: LE LACRIME DI CERSEI

I due in piedi di spalle sembrerebbero il Capitano della Compagnia Dorata e Euron Greyjoy. Anzi, usiamo pure l'indicativo: sono il Capitano e Euron. A sinistra della Regina Cersei c'è Qyburn, a destra c'è la Montagna. Ma non è chiaro se dietro la Montagna ci sia seduto qualcuno. Si tratta forse di Tyrion? Alcune teorie danno Tyrion per traditore. In base a queste ipotesi, il Folletto, geloso dell'amore nato tra Jon e Daenerys, deciderebbe di tornare dalla parte di Cersei, a quanto pare incinta di suo nipote. Sarà così? E' veramente difficile capire chi occupa quella sedia, i personaggi sono troppo piccoli e lontani per dirlo con certezza.

Subito dopo ci viene mostrata la leonessa della casa Lannister con addosso quella che potrebbe essere una vestaglia. Si tratta di un'inquadratura ravvicinata, un mezzo busto. Cersei ha in mano l'immancabile calice di vino. Ma i suoi occhi sono pieni di lacrime. Di sicuro non sta piangendo perché ha saputo che la Barriera è stata in parte distrutta, dunque le possibilità sono due: o piange perché ha avuto un aborto, ammesso e non concesso che la sua gravidanza fosse reale e non inventata, oppure perché ha saputo che Jaime è morto. Entrambe le opzioni sono valide.

IL TRONO DI SPADE 8, IL TRAILER: JAIME NON E' PIU' UN UOMO SENZA ONORE

Ci avviciniamo al finale del trailer. Dopo il volo di Drogon e Rhaegal, sentiamo Jaime in voice off: I promised to fight for the living. And I intend to keep that promise. (Ho promesso che avrei combattuto per i vivi. E ho intenzione di mantenere quella promessa). La battaglia è veramente dietro l'angolo. Lo Sterminatore di Re ha dunque tenuto fede alla sua promessa, e ora è pronto a dare la vita pur di mantenerla. 

Mentre Jaime parla, vediamo Verme Grigio che indossa il suo elmo e si prepara ad andare in battaglia; Jon di spalle di fronte all'albero-diga di Grande Inverno; un primissimo piano del Mastino; il sopracitato Ser Jaime che, quasi sicuramente, sta parlando con i suoi nuovi alleati; una mano sinistra (forse proprio quella del leone della casa Lannister) che stringe quella che sembrerebbe l'impugnatura di una lancia; Jon in battaglia che corre verso il portone d'ingresso di Grande Inverno (così parrebbe) seguito da alcuni soldati; gli zoccoli dei destrieri dei cavalieri dell'esercito del Nord che avanzano al galoppo.

IL TRONO DI SPADE 8, IL TRAILER: LA BATTAGLIA FINALE

L'ultima parte del trailer si apre con Daenerys e Jon che si avvicinano a Drogon e Rhaegal. A terra è pieno di ossa, speriamo ossa di animali! D'altronde, anche un drago deve nutrirsi. Daenerys va dritta verso Drogon. Jon è al suo fianco. Non succede nient'altro, ma in questo momento capiamo quanto le due maestose creature abbiano accettato quello che neanche fino a non troppo tempo fa era un intruso. E' probabile che sentano il sangue Targaryen che scorre nelle vene di Jon. Sarà l'ex Re del Nord a cavalcare Rhaegal in battaglia? O resterà vicino ai suoi uomini, a terra?

Segue un bel primo piano di Sansa, poi vediamo Arya in combattimento, anche se non si capisce bene contro chi stia combattendo e dove sia. Un'inquaratura a mezzo busto di Daenerys, decisamente pensierosa, in un relativo momento di quiete, al sicuro in una stanza tra le mura di Grande Inverno, poi un mezzo busto di Tyrion, con tanto di spilla di Primo Cavaliere in bella mostra, che guarda verso il cielo, e infine l'immancabile Drogon sputafuoco.

Mancano pochi secondi, e sono tutti dedicati agli interminabili momenti che precedono lo scontro tra i vivi e i morti. La notte è calata. Gli Immacolati sono in formazione. In prima fila ci sono Podrick e Brienne, ancora insieme. L'ultimo primo piano è di Ser Jorah. Il cavaliere guarda dritto davanti a sé. Guarda il nemico. E' un uomo che ha visto la morte in faccia in più occasioni Ser Jorah, è un uomo che fino a poche settimane prima era stato dato per spacciato e che invece non si è arreso neanche di fronte alla condanna del morbo grigio. Eppure in questo momento è teso, tesissimo. E ha ben ragione di esserlo.

L'ultima inquadratura è riservata al nemico, al Re della Notte, agli Estranei. Non ci viene mostrato nessun volto, ma basta l'entrata in campo degli zoccoli di un destriero decisamente non-morto a farci gelare il sangue nelle vene. La Grande Guerra è qui.