MotherFatherSon, la recensione del terzo e del quarto episodio della serie tv

Serie TV sky atlantic

Linda Avolio

Leggi la recensione del terzo e del quarto episodio di MotherFatherSon, in onda ogni lunedì alle 21.15 su Sky Atlantic (disponibile On Demand e in streaming su NOW TV). - OVVIAMENTE CI SONO SPOILER PER CHI NON HA ANCORA VISTO GLI EPISODI

MotherFatherSon, cos'è successo nel terzo episodio

Il terzo episodio di MotherFatherSon si apre col ritrovamento del corpo della giovane Tonya. Alla conferenza stampa indetta dalle forze dell’ordine – conferenza in cui la madre della ragazza, in lacrime, non riesce a darsi pace, perché le ultime parole dette alla figlia sono state parole piene di rabbia e disprezzo – partecipa anche Lauren, al fianco della donna. Tra i giornalisti sono presenti anche Nick e Maggie, ed è proprio lei a chiedere quale sia il ruolo del gruppo editoriale che appartiene ai Finch in questa indagine. Il braccio destro di Max glissa, ma è evidente: non è finita qui.

 

approfondimento

MotherFatherSon, la recensione dei primi due episodi della serie tv

Kathryn va da Caden, che, dopo essere stato dimesso dall’ospedale, grazie alle connessioni di suo padre è stato ammesso a un centro militare di riabilitazione di altissimo livello. Lo trova intento a mettere in ordine le prime quattro lettere dell’alfabeto, un’impresa ancora troppo difficile per lui. La frustrazione è tanta, la rabbia anche di più: Finch Junior vuole sapere perché suo padre, nonostante siano passati un bel po’ di giorni, non si è ancora fatto vivo. E’ perché si vergogna, dev’essere sicuramente così.

 

Non ha dubbi: sarebbe stato meglio se fosse morto, almeno così non avrebbe “interrotto” la vita di sua madre, un disturbo inutile. La confessione spezza il cuore a Kathryn, ma il personaggio di Helen McCrory dentro in realtà è una roccia, e lo vediamo chiaramente quando si ritrova ad affrontare il Colonnello Reese, alla guida della struttura, fortemente in disaccordo riguardo la presenza di suo figlio in quel posto, un luogo per servitori della patria, mentre lui si trova lì solo grazie all’intercessione (e ai soldi) di suo padre. L’ex moglie di Max non batte ciglio: solo il meglio per Caden, che in questo momento ha bisogno di tutto l’aiuto possibile.

 

CLICCA QUI: MotherFatherSon, le foto più belle di Billy Howle

 

Max si trova a Città del Messico. E’ lì per parlare con alcuni rappresentati del Governo e dei vari partiti. Discutono dell’acquisizione di alcune testate, e l’idea che uno squalo del settore come Finch abbia il controllo di buona parte dei media del Paese non li entusiasma, ma Max li rassicura: non è interessato a influenzare la politica, ha solo bisogno di avere degli investimenti nel luogo che diventerà la sua casa di lì a poco. Perché è questo il piano: trasferirsi in Messico con Sofia e crescere lì il loro bambino. Nessuno dei presenti crede davvero a quelle parole, ma non c’è molto da fare ormai: ciò che Finch vuole, Finch in qualche modo ottiene.

 

Sofia, a casa di sua madre, un palazzo che fa chiaramente intendere la ricchezza di famiglia, esprime alcune perplessità riguardo suo marito: non è così sicura di conoscerlo veramente. Mentre la sua attuale consorte comincia a farsi alcune domande, Max riceve una telefonata dalla sua ex consorte: è tempo di andare a fare visita a suo figlio.

 

A Londra, Nick si confida con sua moglie: questa inchiesta costargli il licenziamento…ma va portata avanti, motivo per cui il giornalista incontra in un pub un uomo in qualche modo collegato all’investigatore privato trovato morto. A quanto pare, il deceduto aveva la brutta abitudine di ricattare i suoi clienti. Nick fa velocemente due più due (in questo caso il cliente era uno solo, Caden Finch): vorrebbe fare altre domande, ma l’uomo di cui sopra afferra delicatamente la Stella di David che porta al collo, suggerendogli di lasciar perdere.

 

CLICCA QUI: Tutte le news su MotherFatherSon

 

Grazie a Andrew, la persona che gli è stata assegnata, Caden comincia lentamente a migliorare. Dopo una sessione di esercizi piuttosto impegnativa c’è bisogno di una doccia. Doccia che, in pieno stile militare, non prevede alcuna privacy. Al giovane Finch non sfugge l’ironia di tutto questo: prima era lui a osservare gli altri, ora sono gli altri che osservano lui. Ovviamente si riferisce a quanto fatto mentre era alla guida del The National Reporter (la ricerca di oscuri segreti per avere degli scoop, cimici piazzate ovunque, intercettazioni illegali e via discorrendo). Negli spogliatoi, Caden prova a giustificarsi: dopo l’incidente gli capita spesso di parlare a vanvera, dunque quello che dice non va preso sul serio. Ha paura che quanto appena rivelato possa arrivare a suo padre, è evidente.

 

Il giorno dopo viene portato in giardino per fare un po’ di giardinaggio. Lì conosce Orla, un’altra ospite della struttura, che, senza girarci troppo attorno, gli chiede se può toccare la sua cicatrice in testa…e poi gli dice che ha la faccia più sincera che abbia mai visto. Caden rimane spiazzato, specialmente quando la ragazza gli dà un bacio sulla guancia e poi lo lascia lì da solo: cos’è appena successo?

 

Viene effettuato un arresto per l’omicidio di Tonya: un vicino di casa, il sospettato numero uno. In casa sua sono state trovate delle prove inconfutabili (una spazzola con i capelli della vittima, e altre cose): il caso è chiuso. Sicuramente la presenza sul posto dell’investigatore con cui sono andati a parlare Maggie e Nick è solo un caso, così come è un caso che il The National Reporter abbia avuto la notizia per primo…o forse no?

 

CLICCA QUI: MotherFatherSon, il cast e i personaggi della serie tv. FOTO

 

Tornato in UK, Max dice a Lauren di organizzare una conferenza stampa per parlare di quanto successo a suo figlio (una versione riveduta e corretta, ovviamente). Lei ha qualche dubbio: e se Caden si lasciasse sfuggire qualcosa che non dovrebbe? L’arrivo di Nick, che finalmente conosce Mr. Finch di persona, interrompe il momento. Al centro di riabilitazione, Caden, in piscina, non riesce a staccare gli occhi da Orla. Decide di andare a parlarle, vuole dirle come si sente quando la vede, ma lei, secca, gli risponde di non farsi illlusioni: non possono sistemarsi a vicenda. Kathryn e Andrew osservano la scena: sì, finalmente qualcosa si sta muovendo, ed ecco spiegato il motivo.

 

Il giorno della conferenza stampa è arrivato. Mentre Max raggiunge il centro, Caden si prepara con l’aiuto di sua madre. Orla lo incrocia all’esterno e gli mette un fiore nel taschino…fiore prontamente rimosso da Finch Senior. Il discorso di apre con un mea culpa di Max: ha fallito, non è stato in grado di tenere al sicuro suo figlio, l’ha deluso. A questo punto, Caden, nonostante abbia ricevuto l’ordine di non parlare, si lascia scappare un “No, io ti ho deluso, papà!” che non sfugge a Maggie. Un giornalista chiede se Finch Junior tornerà alla guida del The National Reporter, e di nuovo Caden risponde: "Ci potete scommettere!"

 

Non sarà però così: Max, che finalmente si è reso conto che suo figlio non è mai stato e non sarà mai come lui, che non sarà mai un leader, ha deciso di rimuoverlo dal suo incarico. Kathryn non riesce a crederci: questo sarà un colpo terribile per lui. Ma i giochi ormai sono fatti. Nick confessa a Maggie che Finch e Lauren gli hanno offerto una posizione come corrispondente da Washington DC: è evidente, sono a conoscenza dell’inchiesta, e stanno cercando di allontanarlo.

MotherFatherSon, cos'è successo nel quarto episodio

approfondimento

MotherFatherSon, le foto più belle di Billy Howle

Furioso per la decisione del padre di tagliarlo fuori dall’azienda di famiglia, Caden si toglie il vestito indossato durante la conferenza e lo brucia. Durante il pranzo, il vassoio gli sfugge di mano e gli cade sul tavolo. Noncurante del fatto che tutti lo stanno osservando, si mette a mangiare direttamente con la bocca. Orla, anche lei in mensa, si alza e lo aiuta a fare ordine. Ma lui ormai sta sprofondando. Di notte, da solo, sale sul tapis roulant, ma lo sforzo è troppo grande per il suo corpo. Cade a terra, batte la testa: lo ritroveremo legato al letto e con addosso un casco imbottito.

 

Preoccupata per quanto sta accadendo, Kathryn chiede a Max di trovare un altro ruolo per il figlio, ma lui, duro come sempre, risponde secco che non gli darà un lavoro finto solo per pietà: dovrà trovare da solo la sua strada, dovrà trovare da solo quella cosa che lo spingerà ad andare avanti. Senza più grandi risorse, Kathryn va allora ricerca di Scott: solo chi ha veramente toccato il fondo sa cosa significhi trovarsi lì. L’idea è di farlo parlare con Caden, ma Scott, dopo il loro incontro d’amore, ha avuto una ricaduta, ed è tornato a vivere in strada…e a bere…

 

CLICCA QUI: MotherFatherSon, alla scoperta della serie tv con Richard Gere

 

Viene portato a casa della sua (ex?) amante, che, insieme a Andrew, lo aiuta a ripulirsi e rimettersi in sesto, e un paio di giorni dopo finalmente incontra Finch Junior. Solo che l’incontro prende subito una piega inaspettata. Quando si presenta, Caden, sogghignando, gli dice di sapere benissimo chi è, gli dice che sa che è stato a letto con sua madre, e, soprattutto, gli dice che sa cos’ha fatto alla sua di madre. Che le ha prosciugato il conto in banca e che le ha fatto perdere la casa. Scott, ferito, umiliato e arrabbiato, si scaglia contro di lui. Viene allontanato con la forza. Poi, però, confessa ogni cosa a Kathryn: è tutto vero. Ma non ne aveva mai parlato con nessuno. Come faceva dunque Caden a saperlo?

 

Nel frattempo, Maggie e Nick vanno a parlare con un parlamentare che, in base alle informazioni raccolte da loro, è in qualche modo coinvolto non solo con i Finch, ma anche con il caso dell’investigatore privato trovato morto. La visita, però, si rivela un buco nell’acqua: l’uomo non parla. Anche Max va a trovare qualcuno, il Primo Ministro, per rivelargli la sua decisione di sostenere Angela Howard. Ovviamente Jahan Zakari non la prende bene, anche perché sa cosa significhi avere contro, e non al proprio fianco, uno come Max.

 

CLICCA QUI: Richard Gere ieri e oggi: le foto più belle

 

Di notte, Orla entra nella stanza di Caden e gli propone un patto: si suicideranno insieme in piscina. Lui sembra d’accordo, ma poi, quando si ritrova sott’acqua con addosso alcuni pesi, e quando vede la sua amata andare in panico, capisce di non voler morire. Tornati in superficie appena in tempo, i due si scambiano un bacio, e poi fanno l’amore. Lei, però, ci tiene a sottolineare una cosa: non è innamorata, dunque è bene che lui non si aspetti niente.

 

Dopo essersi scusato con Kathryn, Scott chiede di poter parlare nuovamente con Caden. Al centro di riabilitazione, il giovane Finch dice di essere pentito di quanto detto il giorno prima. Poi rivela a sua madre di essere innamorato…e le dice anche che deve togliersi un peso dal petto. Perché in passato, mentre era alla guida del The National Reporter, ha fatto delle cose veramente sbagliate. Qualcuno, però, sta origliando questa conversazione: Max. Suo figlio potrebbe creargli dei seri problemi con le sue rivelazioni.

 

Finch Senior e la fidata Lauren vanno a fare visita a uno degli stabilimenti di Angela: è tutto in ordine, tutto (apparentemente) perfetto, addirittura i lavoratori senza casa possono abitare nelle abitazioni costruite appositamente per loro. Ma dev’esserci qualcosa che non va, Lauren, che non si fida per niente di Angela, se lo sente. E infatti è così: solo i “colleghi” possono usufruire dei benefici, non i “collaboratori a contratto”…e lì ci sono praticamente quasi solo collaboratori… Max però ormai ha deciso: è questa outsider la sua candidata. E’ lei che sosterrà.

 

CLICCA QUI: Tutte le news su MotherFatherSon

 

Il primo atto è la pubblicazione di un articolo che danneggia seriamente la figura di Zakari. Durante un incontro dal vivo, il Primo Ministro, che non ha intenzione di farsi intimidire, straccia il giornale davanti alle telecamere. Poi, privatamente, chiama Max per avvisarlo: vincerà, e lo distruggerà.

 

Maggie aspetta Kathryn fuori dal centro dove si trova Caden. E’ alla ricerca di informazioni. Fa intendere di essere a conoscenza di alcune cose non proprio pulite di cui il giovane ormai ex responsabile del The National Reporter potrebbe essere a conoscenza, per esempio di alcune intercettazioni segrete e non autorizzate. Vuole un’intervista: l’avrà?

 

Ci sono tante, troppe cose da chiarire, ed è arrivato il momento di farlo. Insieme a Caden, Kathryn aspetta Max a casa sua. Il giovane Finch, però, è nervoso: sua madre non ha idea dell’uomo che sta per arrivare…

MotherFatherSon, il commento agli episodi 3 e 4

approfondimento

Richard Gere ieri e oggi: le foto più belle

Dopo due episodi decisamente introduttivi, MotherFatherSon comincia a entrare un po’ nel vivo delle varie linee narrative. Ma è bene fare una precisazione: se vi aspettate un thriller, un’indagine approfondita sulla morte della giovane Tonya, è bene che sappiate subito che la serie - pur mettendo sul piatto, con l’inchiesta di Maggie e Nick, il discorso sull’etica (o meglio, la mancanza di etica) nel campo dell’informazione -, si concentra su altre questioni. Nello specifico due: il passato, il presente e, in parte, il futuro dell’estremamente disfunzionale famiglia Finch - dunque i rapporti d’affetto, ma anche di potere, che intercorrono tra Max, Caden e Kathryn -, e l’influenza dei media a livello sociale - dunque la loro capacità di indirizzare i bisogni e i desideri del popolo (in particolar modo la loro capacità di indirizzare le scelte degli elettori).

 

Lo show targato BBC, però, resta prevalentemente un family drama, pertanto è naturale che siano i Finch ad avere la maggior parte di screentime. In particolare, nel terzo episodio seguiamo il percorso di riabilitazione di Caden, l’ottimo Billy Howle, attore dotato di un’espressività corporea oltre che facciale veramente notevole. Lo vediamo prima disperarsi e desiderare la morte, poi lo vediamo innamorarsi di Orla - un’ospite del centro che, se possibile, è messa anche peggio di lui a livello mentale ed emotivo –, poi lo vediamo ricadere nella depressione, e infine lo vediamo deciso a lasciarsi il suo vecchio io alle spalle. Prima sapeva camminare, scrivere e parlare, ma era incapace di amare e di chiedere scusa; ora, invece, la situazione si è ribaltata, in un’ironica ridistribuzione delle capacità fisiche e delle qualità morali.

 

Episodio dopo episodio conosciamo un po’ più a fondo il Max Finch di Richard Gere, e c’è da dire che quello che scopriamo non è propriamente piacevole. Abbiamo di fronte un uomo brillante e ammaliante, un genio, un leader carismatico dotato di un’intuizione fuori dal comune. Ma, allo stesso tempo, abbiamo di fronte anche una persona assolutamente crudele nella sua totale razionalità, una persona spietata nel vero senso della parola: una persona incapace di provare pietà, nemmeno per suo figlio.

 

Tanto affascinante quanto inquietante il personaggio di Sarah Lancashire: la sua Angela Howard è rassicurante, confortante, pacata, ma anche decisa e organizzata. E’ una sovranista soft, ma la sua “morbidezza” è solo esteriore: il suo è il proverbiale pugno di ferro ricoperto da un guanto di velluto, ed è un pugno che andrà a colpire in maniera inaspettata. Sottovalutare il proprio nemico è un errore che non bisognerebbe mai commettere, specialmente in politica. Perché in politica sottovalutare il proprio sfidante significa anche non rendersi conto che, dietro quella persona, ci sono decine di migliaia di cittadini che, prima o poi, saranno chiamati a esprimere un’opinione. E a nessuno piace essere sminuto e trattato con condiscendenza.

 

Da segnalare il personaggio di Pippa Bennett-Warner, a cui finalmente viene dato un po’ più di spazio. Iniziamo a vedere le prime crepe nel piedistallo di fiducia e fedeltà che Lauren ha eretto per Max, per quest'uomo che per lei è stato ed è ancora molto di più di un capo. Il suo avvicinarsi ad Angela Howard e a ciò che lei rappresenta la disturba. Lauren è immune ai richiami che, invece, sembrano raggiungere una sempre più larga fetta del popolo, ha capito benissimo, o così pensa, che genere di persona è questa outsider che dice di essere dalla parte dei più deboli e dei meno abbienti. Come andrà a finire? L'allieva abbandonerà il maestro? Peggio ancora: lo tradirà?

Spettacolo: Per te