Dieci anni fa moriva Whitney Houston: 5 canzoni che non dimenticheremo

Approfondimenti
©IPA/Fotogramma

L'11 febbraio del 2012 la regina del pop, soprannominata "The Voice" da Oprah Winfrey, morì a soli 48 anni. Ancora oggi le sue canzoni vengono mandate in radio e ballate in discoteca

Sono passati dieci anni dalla morte di Whitney Houston, attrice e cantante di grandissima fama. Nata il 9 agosto del 1963 a Newark, in New Jersey, Houston era figlia d'arte - la madre era una famosa cantante soul e gospel, mentre Aretha Franklin le aveva fatto da madrina-. In pochi anni riuscì a emergere e a ottenere un successo strepitoso, sia di critica che di pubblico. Nel corso della sua carriera musicale, "La Regina del pop" ha venduto milioni di copie e vinto centinaia di premi, compresi due Emmy Awards e svariati American Music Awards. Ancora oggi le sue hit continuano a risuonare, facendo emozionare e, in alcuni casi, ballare chi le ascolta. Eccone cinque tra le più famose.

How will I know?

approfondimento

Whitney Houston, Ashton Sanders sarà Bobby Brown

Terzo singolo estratto dall'album di esordio, "Whitney Houston" , uscì il 2 novembre del 1985. Originariamente non doveva essere lei a cantare il brano scritto da George Merrill e Shannon Rubicam, bensì Janet Jackson. Alla fine però, non se ne fece niente, e fu Houston a interpretarlo, sorprendendo il pubblico che prima di allora non l'aveva mai vista esibirsi nel genere dance. 

Greatest love of all

Datata 1986, si tratta di una cover di un brano di Michael Masser e Linda Creed originariamente interpretato da George Benson nel 1977. Quando uscì, con un titolo leggermente diverso dall'originale, raggiunse la prima posizione delle classifiche non solo negli Stati Uniti ma anche in Australia e Canada, ed ebbe un grandissimo successo anche in Italia. 

 

I wanna dance with somebody (who loves me)

approfondimento

La fotostoria di Whitney Houston

La collaborazione tra Houston, George Merrill e Shannon Rubicam ci ha regalato un'altra hit memorabile: "I wanna dance with somebody (who loves me)". Usata come colonna sonora di un episodio di Black Mirror,  la canzone faceva parte del secondo album della cantante e uscì a maggio del 1987. Fu un successo immediato e l'anno successivo le fece vincere tre premi, compreso un American Music award come miglior singolo pop/rock. Di recente, il brano ha dato anche il titolo a un biopic sulla cantante.

I will always love you

Considerato il suo più grande successo, uscì nel 1992 come colonna sonora del film "La guardia del corpo" di Mick Jackson. Non si trattava di una canzone nuova, bensì di un'altra cover. Dolly Parton l'aveva infatti composta e interpretata per la prima volta nel 1974. L'esecuzione di Houston le diede però nuova linfa: il singolo vendette milioni di copie, battendo ogni record.

 

Million Dollar Bill

Scritto da Alicia Keys, il brano uscì nel 2009 ed è una delle ultime hit di Whitney Houston. Il singolo venne estratto dall'album "I look to you" e non ebbe il successo di critica degli altri, ma è quasi impossibile che non lo si sia ascoltato - e ballato - almeno una volta.

Spettacolo: Per te