Mahmood, un viaggio nel Mediterraneo. Recensione del live all'Alcatraz

Musica

Gabriele Lippi

Foto Emilie Bardalou

L'artista milanese si è esibito da vivo in un concerto a Milano, seconda tappa italiana del suo tour europeo, a pochi giorni dalla finale dell'Eurovision con Blanco. Una performance impeccabile dal punto di vista vocale, raffinata e urbana al tempo stesso. Come nel suo stile

Ci sono artisti capaci di trasportarti con loro su un tappeto volante fatto di note musicali e suggestioni. Sono pochi fuoriclasse, rare e meravigliose eccezioni, variabili impazzite che sfuggono all’omologazione dell’industria musicale riuscendo a imporre qualcosa di nuovo e proprio. Mahmood è uno di questi. È il vincitore di due Festival di Sanremo (tre se si considera anche l’anno in cui si impose tra i Giovani) ma anche una delle voci più credibili della nuova generazione italiana. E non manca occasione di ricordarlo ogni volta che si esibisce dal vivo.

Versi e note fuori dal comune

vedi anche

Eurovision 2022: Mahmood e Blanco cantano Brividi. VIDEO

Il concerto del 18 maggio all’Alcatraz di Milano, seconda tappa italiana del suo Tour Europeo e seconda anche dopo l’esperienza all’Eurovision con Blanco, è stato uno show di rara bellezza puramente musicale. Pochi effetti speciali, poche parole al di là delle canzoni. Mahmood è uno che bada alla sostanza, una sostanza fatta di versi e note fuori dal comune. Con Ghettolimpo, tanto nel tour quanto nel disco, racconta la parabola di un ragazzo cresciuto nella periferia e asceso alle vette più alte dell’industria musicale, uno capace di sfondare i 77 milioni di streaming mondiali su Spotify con Brividi, superando i confini del suo Paese. Perché se c’è un artista internazionale in Italia, oggi, è Mahmood.

RAFFINATO E SPACCONE

vedi anche

Eurovision 2022, Mahmood e Blanco suonano con la Kalush Orchestra

Mahmood si presenta sul palco con un cappotto di pelle nera lungo fino alle caviglie che lo fa assomigliare al Neo di Matrix. E come Neo fa da guida al pubblico in un viaggio tra l’onirico e il lisergico, un tour del Mediterraneo sulle note di una urban music che profuma di ginepro e mirto, di sandalo e mirra. Comincia con Dei, la stessa canzone che introduce l’album Ghettolimpo, e chiude con Brividi, prima del bis. In mezzo si ciondola su un’altalena tra la raffinatezza sofferente di brani come InuyashaGioventù bruciataRubini Rapide, e la “tamarrìa” spaccona (il copyright è suo) di KlanDoradoKobra e Barrio.

DA LANA DEL REY A NO POTHO REPOSARE

leggi anche

Eurovision 2022, Brividi è il brano più ascoltato su Spotify

Dopo Dorado, Mahmood si ferma, per un attimo si trasforma in juke box umano. Nella canzone dice “dentro casa canto Lana”, e siccome Milano è casa, qualcuno dal pubblico gli chiede di farlo. Lui non si sottrae e si esibisce a cappella con Video Games. Ci si perde in quella voce così particolare che non ha bisogno di autotune, in quelle armonizzazioni ipnotiche. Il pubblico balla, salta, si commuove e ondeggia. Mahmood ci gioca ancora: “Non ho ancora visto una bandiera della Sardegna”, si lamenta, e come per magia, dal centro del parterre, spunta un vessillo coi quattro mori. “Questa la dedico alla mia terra d’origine”, dice, e canta T’Amo, che è una spettacolare fusione tra il suo modo di sentire la musica e uno dei brani più belli che siano mai stati composti, No Potho Reposare di Salvatore Sini e Giuseppe Rachel, cantato, tra gli altri, dall’indimenticabile voce dei Tazenda Andrea Parodi.

RADICI MEDITERRANEE

leggi anche

Mahmood mette nel suo Ghettolimpo le storie di una umanità semplice

Le origini di Mahmood sono le radici da cui trae nutrimento la sua musica. C’è la Sardegna della mamma amatissima, una terra che sente sua e in cui spesso di rifugia per scrivere, c’è la periferia milanese in cui è cresciuto e c’è il Nord Africa di un padre assente, quello che riaffiora in brani come Il Nilo nel NaviglioBaci dalla Tunisia, la stessa Dorado. Ascoltare il concerto è un po’ come navigare lungo il Mare Nostrum, cullati da onde a volte più dolci e altre più energiche. Mahmood si commuove mentre canta Rapide, chiede aiuto al pubblico, poi introduce Brividi con una battuta: “Non voglio più cantarla per i prossimi 5 anni”. Noi però vogliamo che la canti ancora, vogliamo che canti ancora. E allora dopo aver lasciato il palco vi ritorna per il bis con Soldi, la canzone che ci ha insegnato a battere le mani a un ritmo sincopato e che a tanti ha insegnato a conoscere e amare Mahmood, uno dei più sinceramente eclettici tra gli artisti italiani.

Spettacolo: Per te