Francesco Gabbani, "Il sudore ci appiccica" è il nuovo singolo: il testo

Musica

Dopo il grande successo di “Viceversa”, il cantautore pubblica il nuovo singolo in vista dell’estate

Dal 5 giugno sarà in rotazione radiofonica “Il sudore ci appiccica”, il nuovo singolo di Francesco Gabbani tratto dall’album “Viceversa” uscito il 14 febbraio. La canzone arriva dopo il grande successo di “Viceversa”, brano che ha conquistato il secondo posto al Festival di Sanremo 2020 e certificato disco di platino per le oltre 70 mila copie vendute. “Il sudore ci appiccica” è stata scritta da Francesco e Filippi Gabbani, Luca Chiaravalli e Pacifico. La produzione è invece affidata a Matteo Cantaluppi. Il brano è un invito all’altruismo, abbandonando ogni genere di individualismo, un atteggiamento che assume ulteriore significato in un periodo così segnato dai tanti mesi di lockdown. Durante questo periodo Francesco Gabbani ha proposto alcuni concerti in live streaming, mentre per gli spettacoli dal vivo si dovrà aspettare l’8 ottobre. È questa la data fissata per l’evento all’Arena di Verona anche se l’organizzazione del concerto è subordinata all’uscita dall’emergenza Coronavirus (GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE - I NUMERI ITALIANI: GRAFICHE), dichiarata fino al 31 luglio ma soggetta a lunga proroga.

Il testo di “Il sudore ci appiccica”

approfondimento

Francesco Gabbani, un viaggio intimo dentro l'umanità

Fra l’altro ti volevo dire

La vita non è male

Per quanto stare bene non sia poi così normale

Sorriso in faccia finte in ventre lacrime innocente

Cos’è che conta veramente se la gente

(Odia la gente)

Fra l’altro ti volevo dire che la vita non è male (oh, yeah)

Fra l’altro cosa ci vuoi fare

Sopra a queste scale un po’ si scende un po’ si sale

Pertanto probabilmente

Il numero uno non conta niente

Comunque non conta più niente

Se invece di darsi la gente prendeE comunque si balla

Come bolle nell’aria

E si tagga la faccia

Che è riaperta la caccia

E comunque si bacia

L’italiana banana

Cuori impavidi a galla

Culi sigari e Avana, banana

Bacia bacia, picchia picchia

Bacia e picchia

Il sudore ci appiccica

Il sudore ci appiccica

AccipicchiaFra l’altro l’altro giorno mi sentivo quasi un altro

Invece son lo stesso dalla fine di un amplesso

I genitori fanno i figli e i figli i genitori

Sul letto sotto un tetto tutti dentro (e tutti fuori)

Fra l’altro ti volevo dire che la vita non è male (oh, yeah)

Amico cosa mi fai fare

Rubi rubi rubi poi ci tocca ripagare

Che tanto sicuramente il ladro più furbo non ruba niente

Arriva sorride si gira tradisce e alla fine sparisceE comunque si balla

Come bolle nell’aria

E si tagga la faccia

Che è riaperta la caccia

E comunque si bacia

L’italiana banana

Cuori impavidi a galla

Culi sigari e Avana, banana

Bacia bacia, picchia picchia

Bacia e picchia

Il sudore ci appiccica

Il sudore ci appiccica

AccipicchiaTuttavia voglio andare via ma non trovo la stazione

Scapperò con un aquilone che mi aspetta sul portone

Tuttavia qui da casa mia vedo poco la nazione

Vedo molto bene bananine e bananoneE comunque si balla

Come bolle nell’aria

E si tagga la faccia

Che è riaperta la caccia

E comunque si bacia

L’italiana banana

Cuori impavidi a galla

Culi sigari e Avana, banana

Bacia bacia, picchia picchia

Bacia bacia, picchia picchia

Bacia bacia, picchia picchia

Baci, picchia

Il sudore ci appiccica

Il sudore ci appiccica

Accipicchia

Fra l’altro ti volevo dire

No niente.

Spettacolo: Per te