Sanremo 2020, chi è Simona Molinari che duetta con Raphael Gualazzi

Simona Molinari al fianco di Raphael Gualazzi nella terza serata di Sanremo, cantando insieme “E se domani”

Scopri tutto su Sanremo 2020: lo SPECIALE Festival di Sanremo, 69 edizioni in 69 foto: tutti i cantanti e i vincitori

È tempo di cover celebri a Sanremo, dove i 24 artisti in gara si esibiranno con brani che hanno fatto la storia del Festival. Una terza serata che promette grande spettacolo sul palco dell’Ariston, dove si alterneranno numerosi personaggi. Spazio ai duetti, come quello composto da Raphael Gualazzi e Simona Molinari.

Il compositore e cantante, giunto a Sanremo con la sua “Carioca”, ha spiegato d’aver scelto la Molinari per la sua poderosa eleganza nella voce. Una coppia in grado di ammaliare il pubblico, pronta alla sfida con un brano epocale. Si tratta di “E se domani”, canzone proposte a Sanremo nel 1964 da Fausto Cigliano e Gene Pitney. A renderla eterna ci ha però pensato Mina con la sua interpretazione.

Chi è Simona Molinari

Nata il 23 febbraio 1983 a Napoli, Simona Molinari è cresciuta a L’Aquila. La passione per la musica è qualcosa che ha sempre avuto dentro sé, come dimostra il fatto che abbia iniziato a studiare canto a soli 8 anni. Col tempo si è appassionata alla musica classica e al jazz.

Dopo aver conseguito il diploma al Conservatorio, ha iniziato a esibirsi in locali e piano bar, accumulando esperienze per crescere come artista e trovare la propria strada. La sua dimensione si muove tra il jazz e lo swing. Fa il suo esordio nel 2006, prendendo parte al Premio 25 aprile, ottenendo il premio come Miglior cantante.

La sua voce non può passare inosservata e nel 2007 si cimenta con il mondo del teatro. Nel 2008 decide di prendere parte a Sanremolab, che le offre la chance di calcare il palco dell’Ariston, prendendo parte al Festival di Sanremo nel 2009. Si gioca le sue carte con “Egogentrica”, canzone che dà il titolo al primo dei suoi cinque album in studio. Anche lei, come Gualazzi, ha dovuto fronteggiare la delicata serata delle cover, avendo al fianco un mostro sacro come Ornella Vanoni.

Ancora nel 2009 è stata finalista del Premio Mogol, vincendo il Premio Lunezia come miglior album d’esordio con “Egocentrica”. È il suo periodo di maggior splendore, con l’anno seguente che la vede vincere il Wind Music Awards come miglior giovane artista, per poi ricevere ancora il Premio Lunezia, stavolta per il brano “Amore a prima vista”.

Nel 2015 è divenuta mamma della piccola Anita. A lungo però i suoi fan non hanno saputo chi fosse il padre della bambina. Il compagno della Molinari veniva descritto da lei come “Mister X”, non facendo parte del mondo dello spettacolo. A lungo sono circolate voci su Peter Cincotti, che lei ha prontamente smentito. Nel settembre del 2019 però ogni dubbio è volato via, dal momento che la Molinari si è sposata, rivelando l’identità del suo partner, Giovanni Luca Zammarchi.

Piccola curiosità per gli appassionati de “I delitti del BarLume”, serie tv prodotta e trasmessa da Sky Cinema. L’intrigante sigla d’apertura è infatti cantata proprio da Simona Molinari.