Sanremo 2020, chi è Maria Antonietta che duetta con Levante e Francesca Michielin

Un sogno che si avvera lo sbarco a Sanremo per la cantautrice pesarese

Scopri tutto su Sanremo 2020: lo SPECIALE Festival di Sanremo, 69 edizioni in 69 foto: tutti i cantanti e i vincitori

Un trio che rappresenta il meglio del nuovo cantautorato al femminile italiano. Maria Antonietta, con Levante e Francesca Michielin, rappresenta una delle voci più apprezzate nel panorama underground nostrano. Sul palco dell’Ariston avrà l’occasione di farsi conoscere dopo tanta gavetta.

Una lunga carriera indie

Letizia Cesarini, in arte Maria Antonietta, nasce a Pesaro nel 1987 e si approccia alla musica a partire dai 18 anni. Il suo esordio è datato 2007 come chitarra e voce del duo Young Wrist, ma l’esperienza dura poco perché già nel 2010 dà alle stampa il suo primo disco autoprodotto, con il nickname di Marie Antoinette. Il disco si chiama “Marie Antoinette wants to suck your young blood” ed è caratterizzato da un'attitudine prettamente punk e da testi in lingua inglese. Il tema di fondo è però rappresentato dal coraggio delle donne. La conversione all’italiano arriva a inizio 2012, quando esce con l’album dal titolo “Maria Antonietta”, registrato e prodotto da Brunori Sas. Il disco ha una grande eco negli ambienti indie, trascinato dal successo del singolo “Quanto eri bello”. L’artista pesarese sembra in rampa di lancio, passa all’etichetta La Tempesta e nel 2013 torna con il singolo “Animali”, accompagnato dalla cover di “Non ho l’età” di Gigliola Cinquetti. È anche l’anno nel quale aderisce al progetto “Hai paura del buio?” promosso degli Afterhours e precede il ritorno discografico con “Sassi”, che esce a marzo 2014. Un album che la conferma ad ottimo livello ma che manca il salto verso il mainstrem. Nel 2018, dopo aver collaborato anche con i Tre Allegri Ragazzi Morti, ecco anche il quarto disco: si intitola “Deluderti” e vede proprio il brano omonimo come singolo di lancio. Sempre del 2018 è anche il suo primo libro: “Sette ragazze imperdonabili”, edito da Rizzoli. Un libro composto da racconti, poesie e collage e dedicato alle sue "maestre": Sylvia Plath, Marina Cvetaeva, Etty Hillesum, Cristina Campo, Antonia Pozzi, Emily Dickinson, Jeanne D’Arc.

L’annuncio su Instagram

Difficile contenere l’emozione di sbarcare al Festival di Sanremo. E Maria Antonietta aveva annunciato la sua presenza alla kermesse usando il suo profilo Instagram. “Ladies and gents: il 6 Febbraio sarò al Festival di Sanremo. Canterò una canzone insieme a Levante e Francesca Michielin. Quando Claudia mi ha invitata, ho pensato che fosse una proposta così pazza, che non avrei mai potuto rifiutare. È molto emozionante poter condividere con altre due ragazze uno spazio del genere, capita così di rado, e mi sento orgogliosa di farlo!”, così aveva scritto in un post il 21 gennaio. E anche nei giorni subito precedenti l’esibizione, la pesarese fa fatica a contenere l’emozione, mostrando tra post e stories outfit e momenti di relax tra una prova e l’altra. D’altronde, portare sul palco un pezzo enorme come “Si può dare di più” di Tozzi, Ruggeri e Morandi, reinterpretandolo in rosa, non è sfida da poco.