Sanremo 2020, Marco Masini al Festival con “Il confronto”: il testo della canzone

Musica

Marco Masini è tra gli artisti in gara al prossimo Festival di Sanremo. Il testo del brano “Il confronto”

SANREMO 2020: SCOPRI LO SPECIALE

Marco Masini è tra i 24 artisti scelti da Amadeus per partecipare al Festival di Sanremo 2020, kermesse musicale giunta alla settantesima edizione. Per il cantautore toscano si tratta di un appuntamento davvero importante perché quest’anno festeggia i 30 anni di carriera e punta sul brano “Il confronto”, una sorta di riflessione, per guardarsi allo specchio e dirsi la verità. Queste le parole di Marco Masini in merito all’esperienza sanremese: “Andrò a Sanremo per fare la gara e, al tempo stesso, per imparare. È importante ascoltare le nuove generazioni. È un modo per crescere”. “Il confronto” fa parte del nuovo album di Marco Masini composto da duetti con numerosi artisti e amici che hanno condiviso con lui questo percorso: “Molti degli artisti presenti nel disco sono amici di vecchia data. Il primo che ho conosciuto è stato Eros Ramazzotti. Il rapporto è nato grazie alla nazionale cantanti. Lui mi è stato vicino in momenti difficili della mia carriera, anche esponendosi in prima persona”. L’esordio di Marco Masini al Festival di Sanremo è avvenuto nel 1990 quando vinse la categoria Giovani grazie al brano “Disperato”.

Il testo di “Il confronto”

Questo il testo di “Il confronto”, il brano che Marco Masini porterà al Festival di Sanremo 2020:

E sei stato un bugiardo non hai avuto coraggio

Quasi sempre imperfetto ma qualche volta saggio

E sei stato per qualcuno un marito mancato

E sei diventato padre ma non è capitato

E sei stato sul campo sempre dietro a un pallone

E ora sei qui sulla porta a tirarti un rigore

Come un eterno bambino dentro gli anni di un uomo

E sei stato importante e in lampo nessuno

Hai un cuore diesel che ci vai piano

La vita è un flipper e infatti ci giochiamo

Ma cosa aspetti a dire basta

E in quello specchio a urlare “cambia faccia”

Non sei arrivato qui per sbaglio

Hai dato tutto il peggio

Ma hai fatto del tuo meglio

E no la vita non è giusta

È che il passato ci esce dalla testa

Come canzoni dalla radio

Amori nell’armadio

Un po’ ti odio un po’ ti amo

Ma oltre la paura del confronto

Hai vinto tutto

E sei stato uno stronzo quando lei ci credeva

L’hai lasciata morire lì con te alla deriva

Ma sei stato un signore quando non hai risposto

E ti bastavano due parole, due parole, per rimetterla a posto

Il cuore è un killer preso alle spalle

Il mondo è open sopra miliardi di stelle

Ma cosa aspetti a dire basta

E in quello specchio a urlare “cambia faccia”

Non sei arrivato qui per sbaglio

Hai dato tutto il peggio

Ma hai fatto del tuo meglio

E no la vita non è giusta

È che il passato ci esce dalla testa

Come canzoni dalla radio

Amori nell’armadio

Un po’ ti odio un po’ ti amo

Ma oltre la paura del confronto

Hai vinto tutto

Hai vinto tutto

Ma oltre la paura del confronto

Hai vinto tutto

E no la vita non è

E no la vita non è giusta

È che il passato ci esce dalla testa

Come notizie sul giornale

Impronte su un pugnale

Non vuoi cadere non puoi volare

Ma oltre la paura del confronto

Ma oltre la paura del confronto

Il confronto

Forse adesso ti è chiaro mi son dato il permesso

Di parlarti davvero e accettare me stesso.

Spettacolo: Per te