Tiziano Ferro: il testo del nuovo singolo "Buona (cattiva) sorte"

Tiziano Ferro
@Kikapress

Il testo di "Buona (cattiva) sorte" il nuovo singolo di Tiziano Ferro. È il primo estratto dall'album "Accetto Miracoli" in uscita il 22 novembre

Buona (cattiva) sorte: la recensione Le canzoni più famose di Tiziano Ferro

LEGGI IL COMMENTO DI BUONA (CATTIVA) SORTE


“Buona (cattiva) sorte” è il nuovo attesissimo singolo di Tiziano Ferro, disponibile dal 31 maggio su tutte le piattaforme streaming e in rotazione radiofonica. Si tratta del primo estratto dall’album “Accetto Miracoli”, in uscita il 22 novembre. La canzone arriva a due anni e mezzo dall’ultimo disco e vede la collaborazione del produttore americano Timbaland. Per lo stesso Tiziano Ferro il nuovo brano “Buona (cattiva) sorte” è una canzone di apertura di un nuovo percorso, una canzone di rottura che parla d’amroe con cinismo e umorismo nero. Per il cantautore si tratta di un assaggio di quello che sarà un disco che marca l'inizio di una nuova epoca. Un album fresco, onesto, energico, figlio dell'esigenza di consegnarsi ad esperienze nuove.

Un nuovo Tiziano Ferro

Nelle tante dirette Instagram che hanno anticipato l’uscita del brano, Tiziano Ferro ha anche spiegato come si riconosce a livello musicale con il marchio di Timbaland: «È stata la prima traccia realizzata insieme e lui ha esordito dicendo che non avrebbe voluto riscrivere niente delle mie canzoni, ma semplicemente rivestirle. Ed è stato magnifico lasciarlo lavorare su una mia canzone e vederla diventare un'altra cosa». “Buona (cattiva) sorte” è quindi un biglietto da visita per il nuovo disco con la voglia di Tiziano Ferro di cambiare ma restare comunque «somigliante a me stesso». Per l’occasione il brano sarà disponibile anche in vinile 45 giri numerato.

Il testo del nuovo singolo "Buona (cattiva) sorte"

Il testo del nuovo singolo “Buona (cattiva) sorte”:

Hai gli occhi di tuo padre

la bocca di tua madre

sul tuo viso loro due stanno ancora insieme

ti ha distrutto l’amore

è il mio stesso veleno

26 lettere ed ancora non ci chiamiamo

è un dolore di lusso il tuo

scritto di inchiostro nero che

getti sopra i vetri se non ti piace ciò che vedi

non preoccuparti amore mio (come on)

esisti tu, esisto solo io

ci rinnegano ci lapidano e noi con quelle pietre

costruiremo una parete

nella buona, cattiva sorte

io l’amerò, l’amerò fino alla morte

 

nella buona, cattiva sorte

io l’amerò, l’amerò fino alla morte

 

fino alla morte fino a che

fino alla morte fino a che

non finirà nananana nanana

 

fino alla morte fino a che

fino alla morte fino a che

fino alla morte finirà nananana nanana

nananana nanana (fino alla morte finirà nanana)

 

e ora baciami forte

tra i dipinti al museo

mentre urli sei cambiato e rispondo non è vero

è un amore di lusso il mio

scritto pure di lacrime

e dall’ossessione per il sapore del dolore

tu vuoi scegliere per mestiere

e diventare il mio carceriere

non capisco qual è il trucco ma capisco qual è il piano

controllare da lontano

 

nella buona cattiva sorte

io l’amero io l’amerò fino alla morte

nella buona cattiva sorte

io l’amero io l’amerò fino alla morte

 

fino alla morte fino a che

fino alla morte fino a che

fino alla morte finirà nananana nanana

nananana nanana

 

fino alla morte fino a che

fino alla morte fino a che

fino alla morte finirà nananana nanana

 

baciami fino a quando vuoi

baciami come l’avessimo inventato noi

prendi me con ogni mia ferita

prendi me come per tutta la vita

 

nella buona cattiva sorte

io l’amerò l’amerò fino alla morte

 

nella buona cattiva sorte

io l’amerò l’amerò fino alla morte

 

fino alla morte fino a che

fino alla morte fino a che

non finirà nanananana

 

fino alla morte fino a che

fino alla morte fino a che

fino alla morte finirà nanananana