Eurovision Song Contest: le 5 esibizioni più iconiche degli ultimi anni

Divertimento, coreografie spettacolari ed esibizioni imprevedibili. L'Eurovision Song Contest ci ha regalato performance davvero originali, ecco le cinque esibizioni più iconiche degli ultimi anni.

Eurovision Song Contest: chi ha vinto negli ultimi 10 anni Eurovision Song Contest: le vittorie dell'Italia

Poche ore e finalmente si alzerà il sipario sulla 64° edizione dell’Eurovision Song Contest, la competizione musicale più importante e popolare al mondo che ogni anno vede sfidarsi oltre quaranta paesi. Quest’anno l’Italia sarà rappresentata da Mahmood (qui le foto della finale del Festival di Sanemo) che avrà il compito di portare il Bel paese sul gradino più alto del podio per la terza volta nella sua storia, in passato ci sono riusciti soltanto Gigliola Cinquetti e Toto Cutugno.

L’Eurovision è una manifestazione che permette di conoscere artisti provenienti da altre nazioni, ascoltare ritmi musicali nuovi e assistere a performance che catalizzano l’attenzione di milioni di spettatori. Scenografie spettacolari e musica pop sono gli elementi fondamentali dell’evento. Nel corso degli anni abbiamo assistito a esibizioni iconiche e indimenticabili che dopo tanto tempo sono ancora ben impresse nella mente di tutti noi: dalla performance di Eric Ssade con “Popular” che ha incantato tutti per il suo talento all’esibizione divertente di Verka Serduchka.

Verka Serduchka - “Dancing Lasha Tumbai”

(Ucraina - Eurovision Song Contest 2007)

Verka Serduchka, all’anagrafe Andriy Mykhailovych Danylko, è sicuramente il personaggio più divertente delle ultime edizioni dell’Eurovision Song Contest. Siamo nel 2007 e l’artista ucraino sale sul palco con il brano “Dancing Lasha Tumbai”, il resto è storia. L’esibizione diventa uno degli argomenti più discussi in Europa per molti giorni, tutti parlano di lui. Il singolo conquista il cuore del pubblico e sfiora la vittoria classificandosi al secondo posto.

Buranovskiye Babushki - Party For Everybody

(Russia - Eurovision Song Contest 2012)

La formazione più celere degli ultimi anni? Ovviamente Buranovskiye Babushki, un gruppo di origine russa formato da signore di età compresa tra i 50 e gli 85 anni circa. Buranovskiye Babushki vincono la selezione nazionale superando Dima Milan, vincitore dell’Eurovision Song Contest 2008, in duetto con Julia Volkova, ex membro delle t.A.T.u., grazie al brano “Party of Everybody” che si dimostra la rivelazione dell’anno chiudendo in seconda posizione dopo la vincitrice Svezia.
 

Eric Saade - "Popular"

(Svezia - Eurovision Song Contest 2011)

È il 2011 quando la Svezia decide di schierare uno dei suoi artisti di maggior successo, si tratta di Eric Saade, classe 1990, il re svedese della musica pop. L’artista sale sul palco con “Popular” mettendo a segno un’esibizione perfetta in cui danza, voce e scenografie danno mostra del suo straordinario talento, il ragazzo si classifica al terzo posto.

Aliona Moon - "O Mie"

(Moldavia - Eurovision Song Contest 2013)

Nella maggior parte dei casi gli artisti in gara decidono di esibirsi con un brano in lingua inglese così da potersi far comprendere da un pubblico più vasto, questo però non è il caso di Aliona Moon che gareggia con “O Mie”. La canzone non ottiene il successo sperato ma la sua estensione vocale e un vestito che si trasforma con il passare dei secondi danno vita a un momento davvero magico e indimenticabile.

Kalomoira - "My Secret Combination"

(Grecia - Eurovision Song Contest 2008)

Kalomoira, classe 1985, è la grande rivelazione del 2008. L’artista sale sul palco dell’Eurovision Song Contest con il brano “My Secret Combination” sfiorando la vittoria e terminando in terza posizione. Il singolo è un mix perfetto di musica dance e pop con sonorità elleniche che fanno centro nel cuore del pubblico scalando poi le classifiche di numerosi paesi, tra i quali Danimarca, Regno Unito e Svezia. A distanza di oltre un decennio, l’esibizione è ancora tra le più amate dal pubblico.