Sanremo 2019, il regolamento del nuovo Festival di Claudio Baglioni

Claudio Baglioni
@Kikapress

Tutto il regolamento previsto per il Festival di Sanremo 2019. Tante le novità previste per la sessantanovesima edizione

Il Festival di Sanremo 2019 andrà in scena dal 5 al 9 febbraio. La 69esima edizione della kermesse dedicata alla canzone italiana sarà condotta da Claudio Baglioni, affiancato da Claudio Bisio e Virginia Raffaele. Quest’anno sono tantissime le novità previste a cominciare dalla scissione tra Festival di Sanremo e Sanremo Giovani. Non ci saranno più due categorie e due competizioni che si svolgeranno in parallelo. La categoria dedicata ai giovani si è esibita in uno show andato in onda il 20 e 21 dicembre e ha eletto due vincitori: Mahmood con "Gioventù bruciata" ed Einar con "Centomila volte". I due cantanti parteciperanno a Sanremo 2019 con nuovi brani. 

I big in gara e i premi previsti

Un’altra grande novità prevista per il Festival di Sanremo 2019 è l’aumento a 24 big in gara rispetto ai 20 della scorsa edizione. Non ci sarà nessuna eliminazione durante le cinque serate e tutti i cantanti resteranno in gara per conquistare il favore del pubblico e vincere la competizione. Restano i diversi premi da assegnare: il "Premio della critica Mia Martini", il "Premio della sala stampa web e tv Lucio Dalla", il "Premio Sergio Bardotti" per la migliore interpretazione e il "Premio Giancarlo Bigazzi" per la migliore composizione musicale. Anche quest’anno la quarta serata sarà dedicata ai duetti come previsto dal regolamento “una Serata evento (la Quarta Serata), nel corso della quale gli Artisti in gara interpreteranno ognuno la propria canzone insieme ad un artista Ospite, da loro individuato in accordo con il Direttore Artistico e con RAI-Direzione di Rai Uno. Le interpretazioni-esecuzioni faranno parte integrante della gara”.

Il programma delle cinque serate del Festival

Questo il programma previsto dal regolamento per le cinque serate del Festival di Sanremo 2019:

  • Prima Serata (martedì 5 febbraio 2019)

Interpretazione-esecuzione delle 24 canzoni in gara da parte dei 24 Artisti. Le votazioni per ognuna delle suddette canzoni avverranno con sistema misto: del pubblico, tramite Televoto, della giuria Demoscopica e della giuria della Sala Stampa.

  • Seconda Serata (mercoledì 6 febbraio 2019)

Interpretazione-esecuzione di 12 canzoni in gara da parte di 12 Artisti. Le votazioni avverranno con sistema misto: del pubblico, tramite Televoto, della giuria Demoscopica e della giuria della Sala Stampa.

  • Terza Serata (giovedì 7 febbraio 2019)

Interpretazione-esecuzione delle altre 12 canzoni in gara da parte degli altri 12 Artisti. Le votazioni avverranno con sistema misto: del pubblico, tramite Televoto, della giuria Demoscopica e della giuria della Sala Stampa.

Al termine della Terza Serata sarà stilata una classifica relativa a tutte le 24 canzoni/Artisti, risultante dalla media delle percentuali di voto da queste ottenute nel corso della Prima Serata e di quelle ottenute nel corso della Seconda Serata (per le prime 12) e della Terza Serata (per le seconde 12).

  • Quarta Serata (venerdì 8 febbraio 2019)

Interpretazione - esecuzione - da parte dei 24 Artisti - delle proprie canzoni in gara, eventualmente in versione rivisitata e/o con diverso arrangiamento musicale, ognuno insieme ad un artista Ospite. Le votazioni in Serata avverranno con sistema misto: del pubblico attraverso il Televoto, della giuria della Sala Stampa e della giuria degli Esperti. La media tra le percentuali di voto ottenute in Serata e quelle ottenute nelle Serate precedenti determinerà una classifica delle 24 canzoni/Artisti.  

  • Quinta Serata – Serata Finale (sabato 9 febbraio 2019)

Interpretazione-esecuzione delle 24 canzoni in gara da parte dei 24 Artisti. Le votazioni avverranno con sistema misto: del pubblico, tramite Televoto, della giuria della Sala Stampa e della giuria degli Esperti. Al termine delle votazioni, la media tra le percentuali di voto ottenute in Serata e quelle ottenute nelle Serate precedenti determinerà una classifica delle 24 canzoni/Artisti.

Riproposizione - attraverso esecuzione dal vivo o attraverso registrazione (RVM) dell’ultima esibizione effettuata - delle 3 canzoni (o parti di esse) che hanno ottenuto il punteggio complessivo più elevato nella suddetta classifica. Al termine, si procederà a una nuova votazione, sempre con sistema misto: del pubblico, tramite Televoto, della giuria della Sala Stampa e della giuria degli Esperti.

La media tra le percentuali di voto ottenute in quest’ultima sessione di votazione e quelle ottenute nelle votazioni precedenti determinerà una nuova classifica delle 3 canzoni/Artisti. La canzone/Artista prima in classifica verrà proclamata Vincitrice di Sanremo 2019. Verranno proclamate anche la seconda e la terza classificata

Il sistema di voto previsto

Anche quest’anno il sistema con cui le canzoni in gara verranno votate è diviso in diverse giurie: il televoto del pubblico, la demoscopica (composta da un campione statisticamente rappresentativo di 300 persone selezionate tra abituali fruitori di musica), la Sala stampa e la Giuria d’Onore.

Nelle prime 3 serate, le votazioni avverranno con sistema misto: si mischieranno cioè i voti del pubblico, della giuria Demoscopica e della giuria della Sala stampa.

Nella quarta serata e nella finale, invece, la giuria Demoscopica viene sostituita dalla giuria d’Onore, composta da personaggi del mondo della musica, dello spettacolo e della cultura.

La clausola Meta-Moro

Nell'edizione 2018 il brano "Non mi avete fatto niente" di Ermal Meta e Fabrizio Moro fu al centro di una polemica. La canzone vincitrice del Festival era molto simile a "Silenzio", interpretato da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali e presentato alle selezioni di Sanremo Giovani per l’edizione 2016. L'autore di questo brano, Andrea Febo, era co-autore della canzone di Sanremo 2018. Dopo questo caso, nel regolamento è stata aggiunta nuova nuova regola. Da quest'anno le canzoni potranno usare stralci di partiture musicali o testi già editi dagli stessi autori purché non siano mai stati commercializzati e non superino il 20% del nuovo brano.