Virginia Woolf: da The Hours a Vita & Virginia, i film su di lei o tratti dalle sue opere

Cinema
©Getty

Il 25 gennaio 2022 ricorrono i 140 anni dalla nascita della scrittrice britannica, la cui vita travagliata e i cui romanzi sono stati importante fonte di ispirazione per il cinema e il teatro. Dall’interpretazione di Nicole Kidman, che le è valsa l’Oscar, a quelle di Vanessa Redgrave e Alessandra Ferri: ecco gli adattamenti per piccolo, grande schermo e per il palcoscenico

Adeline Virginia Stephen, questo il vero nome di Virginia Woolf, è nata a Londra nel 1882. Il 25 gennaio 2022 ricorre l’anniversario della sua nascita (140 anni). Figlia di Leslie Stephen, critico, filosofo e alpinista, e di Julia Prinsep-Stephen, modella per pittori, ha vissuto la sua vita circondata da poeti e scrittori, che frequentavano la sua casa. Rimasta orfana in adolescenza, ha raccontato di essere stata vittima di abusi sessuali insieme alla sorella Vanessa da parte dei fratellastri George e Gerald. Una vita travagliata, la sua, anche sul piano sentimentale: dopo aver sposato lo scrittore e teorico della politica Leonard Woolf, ha avuto anche una relazione con la scrittrice Vita Sackville-West. Dopo aver tentato più volte il suicidio, si è tolta la vita il 28 marzo 1941, quando si è riempita le tasche di sassi e si è buttata nel fiume Ouse. È stata un’icona del femminismo e della lotta per la parità dei sessi. 

Le sue opere più famose

approfondimento

Scala, Alessandra Ferri danza Virginia Woolf: "Mi ha cambiato la vita"

Tra le sue  opere più famose meritano sicuramente di essere citati i romanzi La crociera (1915), che rappresenta la sua prima opera pubblicata, La signora Dalloway (1925), Gita al faro (1927), Orlando (1928), Le onde (1931), definito "rivoluzionario" da Marguerite Yourcenar, e Tra un atto e l’altro (1941). Tra i saggi, invece, Il lettore comune (1925) e Una stanza tutta per sé (1929), da cui è tratta la celebre frase: “Una donna deve avere denaro, cibo adeguato e una stanza tutta per sé se vuole scrivere romanzi”. La sua produzione letteraria è stata tradotta in oltre 50 lingue. 

Woolf ispira il cinema: The Hours con Kidman

approfondimento

Duecento anni fa nasceva Dostoevskij: i film tratti dai suoi libri

Musa ispiratrice per diversi autori, Woolf ha ispirato con la sua vita e le sue opere anche pièces teatrali e pellicole cinematografiche: alcune sono biografiche, altre adattamenti dei suoi libri, altre ancora sono film con trama a sé stante ma ispirata da alcune opere di Woolf. Un esempio? The Hours, che è valso a Nicole Kidman, che interpreta appunto la scrittrice britannica, un premio Oscar, un Golden Globe, un Bafta e svariati altri premi prestigiosi. Il film racconta le drammatiche vicende di tre donne alla ricerca di una vita più soddisfacente e legate dal romanzo Mrs Dalloway. The Hours è tratto dal romanzo Le ore di Michael Cunningham, che a sua volta era ispirato appunto al capolavoro letterario di Virginia Woolf, La signora Dalloway.

Vita & Virginia

approfondimento

Woolf Works, il balletto nei cinema

In Vita & Virginia, diretto da Chanya Button, è Elizabeth Debicki a interpretare Woolf. La pellicola si basa sull’omonima opera teatrale di Eileen Atkins (a teatro è stata Vanessa Redgrave a interpretare Woolf), coautrice della sceneggiatura insieme a Button. Al centro della trama la relazione sentimentale tra Virginia Woolf e Vita Sackville-West, durata 10 anni, dal 1925 al 1935.

Mrs Dalloway

approfondimento

Gli scrittori celebri nei film

È toccato sempre a Vanessa Redgrave diventare Virginia anche nel film Mrs Dalloway, diretto da Marleen Gorris e tratto dall’omonimo romanzo della scrittrice britannica.  Ambientato a Londra in un giorno di giugno del 1923, è un monologo interiore della protagonista, Clarissa Dalloway.

Orlando

Anche Orlando, film del 1992 diretto da Sally Potter e con Tilda Swinton, è tratto dall’omonimo romanzo di Woolf. L'aristocratico Orlando vive attraverso quattro secoli e sperimenta sulla propria pelle un'esistenza senza età né genere sessuale.

Chi ha paura di Virginia Woolf?

leggi anche

10 film tratti da libri da vedere assolutamente

Chi ha paura di Virginia Woolf? è un film in bianco e nero del 1966 diretto da Mike Nichols. Tra gli interpreti Elizabeth Taylor. Il film è tratto dall’omonima opera teatrale di Edward Albee che racconta la storia di due coniugi non più felici che però continuano a stare insieme. Virginia Woolf è presente solo nel titolo, ma non ha nulla a che vedere con la trama o la storia dei protagonisti della pellicola. Il titolo è un gioco di parole con la canzoncina Chi ha paura del grande lupo cattivo? (in inglese lupo si dice wolf).

La miniserie Life in Squares 

La vita di Woolf  è stata oggetto della miniserie in 3 puntate Life in Squares prodotta e trasmessa dalla Bbc nel 2015. La serie drammatica illustra il rapporto tra le sorelle Vanessa Bell e Virginia Woolf, l'amicizia e la complicata relazione tra Vanessa e Duncan Grant e in generale come il gruppo di persone che frequentano affrontano la vita, l'amore, il sesso e l'arte nella prima parte del XX secolo.

Woolf a teatro

A teatro Virginia Woolf è stata interpretata da Maggie Smith a Stratford (1980) e Londra (1981) nella pièce biografica Virginia di Edna O’Brien e da Vanessa Redgrave, nel 1994, in Vita & Virginia, opera teatrale di Eileen Atkins per la regia di Zoe Caldwell e tratta dalle lettere che Woolf si è scambiata con la sua amante Vita Sackville-West. Sempre in teatro, lo spettacolo Woolf Works, realizzato dalla Royal Opera House e uscito poi al cinema nel 2017. Si tratta di un trittico ballettistico coreografato da Wayne McGregor che combina i temi dei tre principali romanzi di Virginia Woolf (interpretata da Alessandra Ferri) Mrs Dalloway, Orlando e Le Onde, con estratti della vita della scrittrice tra lettere, saggi e diari.

Spettacolo: Per te