Giancarlo Giannini al Pesaro Film Festival: "Non chiedo altro alla vita"

Cinema
©Getty

Il grande attore, che stasera sarà presente al Pesaro Film Festival per l’evento dedicato alla proiezione restaurata di Pasqualino Settebellezze di Lina Wertmüller, ha colto l’occasione per tratteggiare un bilancio della sua lunga e gloriosa carriera. Ecco cosa ha detto

approfondimento

Addio a Lina Wertmüller, tutti i film della regista. FOTO

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

A poco più di un mese dai suoi 80 anni (li compirà il 1° agosto) Giancarlo Giannini che stasera sarà al Pesaro Film Festival per l’evento dedicato alla proiezione restaurata di Pasqualino Settebellezze tratteggia un bilancio della sua carriera. Per niente conclusa visto che sta girando "un film con le più importanti quattro attrici americane" di cui al momento non può dire altro.

Un bilancio della sua carriera

approfondimento

Giancarlo Giannini ricorda il figlio morto a 19 anni per aneurisma

L'evento è anche l'occasione per tratteggiare un bilancio della sua carriera. Queste le sue parole rilasciaate all'Agi: "Sono stato molto fortunato, ho lavorato con grandi registi e grandi attori, ho recitato nella saga di Bond, se la vita non dovesse offrirmi altro mi riterrei comunque appagato". E ancora: "Ho avuto molto, anche una stella sulla Walk of fame, l'unico attore italiano insieme a Rodolfo Valentino a riceverla, spesso mi sono scelto da solo le storie da interpretare, proponendo vicende vere ai registi", premette, raccontando di un cinema che a suo dire non esiste più: "Il nostro era un mix di impegno e divertimento. Ho lavorato con grandi colleghi come Mastroianni, Volontè, Gassmann, puntavamo soprattutto a divertirci, quasi a giocare - spiega Giannini - adesso non è più così. I giovani attori e registi all'inizio delle riprese pensano già al futuro, all'approdo al festival di Cannes o a Venezia e io li rimetto in riga: ma pensiamo a fare bene il film e divertiamoci, poi si vedrà".

Il futuro del cinema secondo Giancarlo Giannini

approfondimento

Giancarlo Giannini, le foto più belle di ieri e di oggi

Sul futuro del cinema Giannini non è ottimista: "In sala è destinato ad estinguersi, del resto lo aveva previsto anche Fellini con il suo 'andremo al cinema come al museo...'. Il cinema era già morto prima della pandemia", fiaccato dalla concorrenza delle serie, un genere che non ama molto, sia da interprete sia da spettatore: "Sono prodotti ben confezionati, ma a me che conosco e capisco cosa c’è dietro, non trasmettono molto". Giannini non le guarda: "Non mi diverto per niente". L'artista che ha visto andare via partner fondamentali della sua carriera come Lina Wertmüller, Mariangela Melato e Monica Vitti, nella sua vita privata ha dovuto superare il grande trauma della morte di uno dei suoi figli, Lorenzo, a soli 19 anni, vittima nell'87 di un aneurisma: "Mi ha aiutato la fede insieme al pensiero che loro adesso stanno meglio di noi - spiega – perdere un figlio è un evento contronatura ma purtroppo capita. E' successo anche a Francis Ford Coppola con suo figlio che, in mio onore, aveva chiamato Giancarlo. Bisogna reagire e andare avanti".

Giannini sulla guerra

approfondimento

Il Generale Dalla Chiesa, cast e personaggi della serie tv. FOTO

Giancarlo Giannini ha poi fatto riferimento anche al conflitto tra Russia e Ucraina. (LO SPECIALE). "Mi fa male guardare in tv le immagini della guerra, anche perchè io i bambini uccisi in guerra li ho visti davvero nelle strade durante la seconda guerra mondiale e purtroppo me li ricordo benissimo, anche se ero un bambino anche io. Quel che è certo è che il conflitto russo-ucraino non si risolverà inviando armi".  "Sono molto contrario all'invio di armi all'Ucraina, se si parla di pace si dovrebbero scegliere altre vie, perchè le armi servono ad uccidere"

Spettacolo: Per te