Oscar 2021, Viola Davis: una vita e un film da protagonista

Cinema

Federica Pirchio

Candidata come miglior attrice protagonista per "Ma Rainey's black bottom", lei è l’interprete afroamericana che ha ricevuto più nomination (quattro), già vincitrice della statuetta dorata come miglior attrice non protagonista per “Barriere” nel 2017

Viola Davis come Ma Rainey

La madre del Blues, irriverente, sfrontata, libera, esagerata nel trucco come nel talento: Viola dà corpo sullo schermo a Ma Rainey e alla sua vita che ha dello storico, nel film di Charles C. Wolfe, con il mai dimenticato Chadwick Boseman, tratto da un dramma di August Wilson, coprodotto da Denzel Washington. Viola, nel ruolo della cantante che si è fatta largo, nell’ America razzista dei primi del Novecento, tiene fede al suo credo: “autonomia”. E' questa la parola che sceglie di usare, quando le si chiede di una Hollywood “so white” (così bianca). Si augura che presto non ci siano più differenze di compensi e di ruoli e punta proprio all’essere autonomi, non più schiavi di pregiudizi e discriminazioni, proprio come lo è stata a suoi tempi e a suo modo Ma Rainey.

Chi è Viola Davis…

approfondimento

Oscar 2021, tutti gli attori che hanno ricevuto una nomination. FOTO

Classe 1965, nata in South  Carolina, dove ha studiato recitazione e dove ha scoperto il suo grande amore per il teatro, (ha vinto anche un Tony Award), è una di quelle attrici che riesce a trasportarti, grazie alla sua intensità espressiva, nel suo mondo, in quell’universo nel quale si è immersa per copione. Non importa se in teatro, per il cinema o in una serie tv, la Davis ha quell’energia che rende tutto credibile. La ricordiamo in “Le regole di un delitto perfetto”, magistrale nel racconto a puntate incentrato su Annalise Keating, avvocatessa e docente universitario di procedura penale, che con il suo gruppo di studenti si trova ad affrontare casi, storie, anche personali, in puro stile Shonda Rhimes. Ed infatti Viola, proprio per il suo ruolo in “Le regole del delitto perfetto”, è stata la prima attrice nera a ricevere l’Emmy Award da protagonista.

Il Cinema che passione

Ha debuttato nel 1996 con "Il colore del fuoco", e poi ha lavorato con Steven Soderbergh in  "Traffic" (2000), "Solaris" (2002) e "Syriana" (2005). Lunga è la lista nel suo curriculum: "Lontano dal paradiso" (2002), "Antwone Fisher" (2002) e "Disturbia" (2007). Nel 2008 è in "Il dubbio",  "The Help" nel 2011, fino al 2016 quando grazie a "Barriere" vince la statuetta dorata come miglior attrice non protagonista, lei recitava accanto a Denzel Washington, uno dei suoi più cari amici.

La carriera e i premi

Una vita da protagonista, è stata la prima attrice nera ad aver vinto l’Oscar, il Tony e l’Emmy ma non solo: nel 2012 il Time Magazine inserisce il suo nome tra le 100 persone più influenti del mondo e nello stesso anno la rivista Glamour la incorona l’attrice del 2012. Per sapere se riuscirà a diventare anche , la seconda artista nera a ricevere l’Oscar (LO SPECIALE) come miglior protagonista, bisogna solo aspettare la lunga notte delle stelle…

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.