Black Lives Matter, 6 film da vedere

Cinema sky cinema
Barbara Tarricone

Barbara Tarricone

Da "Mississippi Burning" a "Fa' la Cosa Giusta", da " Il coraggio della verità" a "Green Book", 6 pellicole che raccontano il razzismo negli Stati Uniti e le battaglie per i diritti degli afroamericani

approfondimento

Black Lives Matter, la playlist dedicata al movimento su Spotify

George Floyd: le reazioni delle celebrità sui social (FOTO)

 

Le immagini delle proteste che stanno travolgendo l’America  sono così potenti da meritare esse stesse un film e forse un giorno qualcuno ce lo farà. La sensazione è di essere di fronte ad un momento epocale, che  aggiungerà un altro capitolo alla storia dei diritti civili americani .Una storia drammatica che è stata soggetto di pellicole che possiamo rivedere on demand. Ecco  6  film da non perdere .

Malcolm x

Spike Lee, Denzel Washington rende forse una delle sue migliori performance nei panni  del leader afroamericano che ha dedicato tutta la sua vita alla battaglia per i diritti  civili. Il film, che ripercorre  l’autobiografia di Malcolm X dagli anni ’40 alla morte,  si apre però con le immagini del pestaggio di Rodney King avvenuto nel 1991. Un tragico episodio di brutalità della polizia a cui seguirono settimane di rivolte violente per le strade di Los Angeles, che è in questi giorni drammaticamente attuale.

 

GREEN BOOK

La storia vera di un’amicizia tra un italo Americano, Tony Lip (Viggo Mortensen)  e il musicista Don Shirley (Maherhsala Ali) ci racconta, attraverso il loro viaggio negli Stati Uniti, di un’America  che negli anni ’60 era ancora segregata  e  dove  gli afrocamericani dovevano, tra le altre cose, dormire in alberghi a loro riservati, elencati, appunto in un manuale di colore verde ( il green book del titolo ) .

Premio Oscar come miglior film, come miglior attore a Maherhsala Ali e miglior sceneggiatura ai tre scrittori, tra cui  c’è Nick Vallelonga che è il  figlio di Frank Anthony Vallelonga: alias il Tony Lip di cui si racconta la storia.

 

FA'la COSA GIUSTA

 

Il capolavoro di Spike Lee, ambientato  negli anni ’70 in un quartiere di Brooklyn in un cui le tensioni e il razzismo portano a  drammatiche conclusioni è una denuncia della violenza verso gli afro americani  che prende spunto da fatti reali e che apre la conversazione su che cosa sia la cosa giusta.

 

MISSISSIPPI BURNING-LE RADICI DELL’ODIO

7 candidature Oscar e un solo premio vinto (quello per la fotografia) il film di Alan Parker è però passato alla storia del cinema portando sul grande schermo un episodio infame della storia americana: l’assassinio degli attivisti per i diritti civili del Mississippi avvenuto per mano del Ku Klux Klan  in una notte di Giugno del 1964 e coperto dalle autorità locali.

 

SE LA STRADA POTESSE PARLARE

Basato sul romanzo di James Baldwin, in teoria è un racconto di finzione che vede una donna  afro americana cercare di scagionare il fidanzato falsamente accusato dello stupro di una donna bianca . Siamo nell’America degli anni ’70 e siamo però in un terreno tristemente simile a molti altri episodi dove la giustizia è stata avvelenata da pregiudizi  razzisti.  Uno degli amici di James Balwdin era stato  infatti falsamente accusato di avere ucciso un marine e ha trascorso  ingiustamente 6 anni in prigione . In ogni caso il film è toccante e ha meritato l’Oscar a Regina King.

 

IL CORAGGIO DELLA VERITA’

Basata su un romanzo  di  grande successo, la vicenda, ambientata nell’America contemporanea, prende le mosse da un episodio che purtroppo accade periodicamente. Un controllo della polizia ad un’auto, motivata dal solo fatto che all’interno ci sono afroamericani,  si tramuta in un ingiustificato omicidio . La protagonista, che è nera, ma ha vissuto nel privilegio bianco ,dovrà  trovare il coraggio di denunciare l’accaduto .

Spettacolo: Per te