Addio a Carla Fracci, il ricordo letto da Giovanni Nuti: "Regalatemi il vostro sorriso"

Spettacolo

Il musicista e scrittore, presente alla cerimonia che si è tenuta nella chiesa di San Marco, ha letto le parole commoventi scritte da padre Alberto Maggi per la stella più luminosa della danza scomparsa lo scorso 27 maggio

approfondimento

Carla Fracci, il figlio a Sky TG24: "Generosa con tutti". VIDEO

Un sole caldo e discreto ha illuminato oggi la chiesa di San Marco a Milano, dove si sono svolti i funerali di Carla Fracci (qui le foto) in un clima di sincera commozione per la scomparsa di una delle più grandi danzatrici di tutti i tempi, volata tra le stelle all’età di 84 anni lo scorso 27 maggio. Sulla sua bara un grande cuscino di fiori bianchi, il colore che in assoluto preferita e amava di più. Un lungo applauso all'arrivo, ancora più lungo alla fine della cerimonia. Moltissimi i personaggi noti presenti, ma quello che davvero colpisce sono i volti della tanta gente comune venuta a salutare la loro "Carla" che ha donato la sua arte a tutti, dai potenti della terra alle persone più semplici. 

approfondimento

Addio a Carla Fracci, l’ultima intervista rilasciata a Sky Tg24. VIDEO

Sono tanti anche i colleghi arrivati a rendere omaggio alla grande étolie. Fra di loro Roberto Bolle, le prime ballerine scaligere Nicoletta Manni e Martina Arduino. Commovente l'intervento del musicista Giovanni Nuti che ha rievocato lo spirito vero della Fracci: "Quando volete ricordarmi per favore non dite mai 'la povera Carla', ma 'beata Carla'. E ora regalatemi il vostro sorriso e ricordatemi con il mio", Nuti ha letto queste parole scritte da padre Alberto Maggi proprio nella stessa chiesa di San Marco, dove lei nel 2019 interpretò 'Il poema della croce' di Alda Merini. "Sento ancora la gioia di Carla per quella sera", ha detto ancora il musicista. E tutti quelli che l’hanno vista danzare non possono che ricordarla con la stessa gioia.

Spettacolo: Per te