Addio Gigi Proietti, Veltroni: "Un intellettuale colto e semplice"

Spettacolo

Veronica Voto

Il regista, scrittore ed ex sindaco di Roma, dal palco del Globe Theatre, ricorda l'ironia dell’attore scomparso, ma anche l'impegno culturale e politico. 

Visibilmente commosso, con la voce spezzata dal dolore per la perdita di un grande artista. Anche Walter Veltroni rende omaggio a Gigi Proietti con un sentito intervento dal palco del Globe Theatre.

IL RICORDO DI WALTER VELTRONI

approfondimento

Gigi Proietti, Flavio Insinna: "Sarò sempre il suo allievo"

"Gigi era un uomo colto, aveva letto e studiato, pensato e scritto, ha cercato per   la vita di coniugare qualità e pubblico, non accettava che le cose belle fossero riservate solo a chi, spesso per ragione di classe, aveva gli strumenti per decodificarle. Era un intellettuale popolare, colto e semplice". "L'Italia con gli occhi smarriti di quest'anno livoroso ha pensato che la morte di Gigi fosse troppo, che qualcuno chissà dove si accanisse con un eccesso di perfidia a sfilarci le persone che ci regalano i momenti più belli della vita: un sorriso o un pensiero", ha detto l'ex sindaco di Roma.

“SE FOSSE UN GIORNO QUALSIASI, SAREBBE VENUTA TUTTA ROMA”

approfondimento

La cerimonia funebre. Le foto

"Se oggi fosse un giorno qualsiasi lontano da questa guerra combattuta contro un cavaliere bianco inciprignito e invisibile, per Gigi sarebbe venuta qui tutta Roma”, ha detto ancora Veltroni, “ha lavorato ogni giorno per tutti e tu avevi la sensazione che dietro quelle parole, quei gesti, quelle smorfie, ci fosse qualcosa di più profondo: ti sentivi più intelligente ridendo. Voleva far ridere gli altri ovunque e sempre era capace di raccontare per la milionesima volta la barzelletta del vedovo romanista allo stadio, quella della pallina da golf, perché si beava del suono e degli occhi di chi aveva di fronte, fosse uno o centomila".

“CIAO GIGI CI VEDIAMO PRESTO”

approfondimento

Gigi Proietti, l'ultimo regalo è il film "Io sono Babbo Natale"

“Oggi Roma e l’Italia ti salutano qui, nel tuo teatro. Perché questo è il tuo teatro. Bello come tutti i teatri, che portano vita e che presto torneranno. Devono tornare a riempirsi di cuori”, dice ancora Veltroni durante il suo intervento e prosegue: “Il Globe nacque da un tuo sogno, e certe volte i sogni si realizzano. Un teatro shakespeariano. Shakespeare, che come te, è morto nel giorno del suo compleanno. Il Globe sembrava una follia e invece è diventato il luogo dell'educazione teatrale di migliaia di giovani romani. Ciao Gigi, ci vediamo presto” ha concluso Veltroni.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.