Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Etna, testato con successo un sistema di allerta per le eruzioni

Foto di archivio (ANSA)
1' di lettura

Il dispositivo, basato su una rete di sensori acustici, è stato in grado di rilevare con un’ora di anticipo 57 delle 59 eruzioni che si sono verificate dal 2008 al 2016 

Un sistema di allerta automatico per le eruzioni è stato testato con successo per otto anni sull’Etna. Basato su una rete di sensori acustici, lo strumento è stato in grado di rilevare con un'ora di anticipo 57 delle 59 eruzioni avvenute dal 2008 al 2016. Il dispositivo è stato progettato da un gruppo di ricercatori dell’Università di Firenze, coordinato da Maurizio Ripepe. I risultati dei test sono stati pubblicati sulla rivista Journal of Geophysical Research: Solid Earth, dell'Unione Geofisica Americana (Agu).

Sensori per rilevare infrasuoni

A circa 6 chilometri dal vulcano attivo più alto d’Europa, gli scienziati hanno posizionato alcuni sensori sonori, che hanno inviato segnali di allerta con messaggi telefonici ed e-mail. Grazie a questo sistema, il Governo italiano ha messo a punto nel 2015 un piano di allerta pronto a scattare un'ora prima di un'eventuale eruzione.
Come spiegano gli esperti, prima di un’emissione di magma, i vulcani generano generano delle onde sonore a bassa frequenza che non possono essere udite dall'orecchio dell’uomo. Questi infrasuoni possono viaggiare anche per migliaia di chilometri nel vulcano e sono più strettamente legati a un'eruzione di quanto non lo siano le onde sismiche.

Test su altri vulcani

"La maggior parte dei circa 1.500 vulcani attivi al mondo - ha riferito Maurizio Ripepe - non è monitorata in tempo reale. Lo studio delle onde sismiche legate ai movimenti del magma spesso non basta, dev'essere accompagnato da un'allerta automatica in grado di velocizzare le procedure e ridurre il rischio", ha aggiunto. Dopo i primi positivi test sull’Etna, i sensori saranno sistemati e sperimentati anche su altri vulcani, che potrebbero mostrare dinamiche e tempi di risposta diversi. "L'obiettivo - ha concluso l’esperto - è creare una rete di monitoraggio globale”.

40 scosse in 24 ore

Lo scorso 22 novembre, l’Etna ha destato preoccupazione in quanto, nel giro di 24 ore, i sismografi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno registrato 40 scosse di magnitudo medio-bassa, dall’1.4 al 3.5. Gli esperti hanno ricondotto il fenomeno alla risalita del magma. Il vulcano, infatti, è da mesi in fase di ricarica, come mostra chiaramente il rigonfiamento del cono vulcanico.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"