'Beyond', è la nuova missione spaziale di Luca Parmitano

2' di lettura

L’astronauta dell’Esa sarà il primo italiano ad assumere il comando della Stazione Spaziale Internazionale nella spedizione che inizierà a luglio 2019, dedicata alle nuove tecnologie

L’astronauta Luca Parmitano sarà il primo italiano ad assumere il comando della Stazione Spaziale Internazionale (Iss) per una missione che, a partire dal luglio del 2019, cercherà di conciliare l’esplorazione dello spazio alle ultime tecnologie, tra cui la robotica. La spedizione diretta dal cosmonauta siciliano, che per la seconda volta sarà a bordo della navetta russa Soyuz, è stata denominata ‘Beyond’, in italiano ‘oltre’. L’annuncio è avvenuto il 27 settembre, nel giorno del 42esimo compleanno di Parmitano, in un evento a Frascati, in provincia di Roma, organizzato dal centro italiano dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa).

Il ruolo della tecnologia

Parmitano, selezionato per entrare a far parte dell’Esa dal 2009, era diventato, nel 2013, il primo italiano a realizzare una passeggiata spaziale nel corso della missione ‘Volare’, durante la quale era rimasto nello spazio per 166 giorni. Con la nuova spedizione, l’astronauta diverrà il terzo europeo a comandare la Stazione Spaziale Internazionale, assistito dai colleghi Andrew Morgan, della Nasa, e dal russo Alexander Skvortsov. ‘Beyond’ sarà una missione dedicata in modo particolare alle nuove tecnologie: l’equipaggio effettuerà, infatti, oltre 50 esperimenti che, sfruttando i progressi avvenuti in campi come la robotica, ambiranno a portare l’esplorazione spaziale a un altro livello, ‘oltre’ l’orbita terrestre, proprio come suggerito dal nome del progetto.

Tra Terra, Luna e Marte

Durante l’evento di presentazione, è stato inoltre svelato il logo che rappresenterà la missione. Si tratta di un cerchio diviso in più porzioni: a destra è ritratta la terra, con l’orbita percorsa dall’Iss; nella parte sinistra si osserva invece la Luna, in prima impressione, e sullo sfondo il rosso di Marte e il nero dello spazio aperto. Non a caso uno degli obiettivi della spedizione sarà quello di sfruttare il prezioso aiuto dei robot per l’esplorazione del satellite terrestre e del pianeta rosso, oltre che per migliorare il livello di sicurezza degli esseri umani coinvolti in missioni particolarmente lunghe.

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"