Iceberg gigante in rotta di collisione con isola della Georgia del Sud

Scienze

Si trova attualmente a meno di 31 miglia (circa 48 km) al largo della costa dell'isola e potrebbe colpire la terraferma tra pochi giorni,  minacciando l'accesso degli animali locali al cibo

Il più grande iceberg del mondo, denominato A-68A, si sta avvicinando rapidamente all'isola della Georgia del Sud, nell'Atlantico meridionale e potrebbe colpire la terraferma tra pochi giorni.
Come riporta il Washington Post, il gigantesco iceberg che si era separato dalla piattaforma di ghiaccio Larsen C in Antartide il 12 luglio 2017, si trova attualmente a meno di 31 miglia (circa 48 km) al largo della costa dell'isola della Georgia del Sud. Se le correnti oceaniche continueranno a "spingerlo" verso l'isola, A-68A potrebbe ancorarsi contro la sua costa e mettere in pericolo l'ecosistema della fauna selvatica presente sull'isola, minacciando anche l'accesso degli animali al cibo.

Potrebbe mettere in pericolo la fauna dell'isola

approfondimento

Antartide, gli iceberg come cattedrali nelle foto di Sandra Herber

 

La Royal Air Force (l'aeronautica militare del Regno Unito) ha condotto un sorvolo dell'iceberg questa settimana per avere un'idea migliore delle sue dimensioni e del suo movimento. "Le immagini fisse, le riprese video e le osservazioni visive aiuteranno a prevedere il comportamento futuro dell'iceberg e ad accertare l'entità della minaccia per l'area locale", hanno dichiarato la British Forces South Atlantic Islands (BFSAI) tramite Facebook.
"Se colpisce l'isola, colpirà anche la piattaforma sottomarina e la terra al largo", ha spiegato David Long, direttore del centro di telerilevamento della Brigham Young University, che ha seguito il percorso dell'iceberg. "L'isola e l'iceberg hanno all'incirca le stesse dimensioni".
Se l'iceberg, che è lungo circa 150 chilometri e largo poco meno di 50 chilometri, si arenasse appena al largo della costa, potrebbe ostacolare l'accesso al cibo a milioni di pinguini, foche e pesci, costringendoli a percorrere lunghe distanze intorno all'iceberg in cerca di prede. Potrebbe, inoltre, mettere in pericolo la sopravvivenza delle balene blu, che si nutrono appena al largo dell'isola.
L'iceberg "è così grande che la fauna selvatica locale farà fatica a raggiungere le fonti di cibo e potremmo assistere a un crollo della popolazione", ha precisato Long.

 

Periodo cruciale per la riproduzione della fauna

 

Mark Belchier, direttore della pesca e dell'ambiente per il governo della Georgia del Sud e delle Isole Sandwich Australi, ha dichiarato alla Bbc che l'iceberg potrebbe avere enormi implicazioni per le specie locali, perché la fauna selvatica dell'isola si trova attualmente in un periodo particolarmente delicato del proprio ciclo di vita, quello della riproduzione. “I pinguini hanno già costruito i nidi e presto verranno deposte le uova. E i primi cuccioli di foca sono nati nelle ultime due settimane”, ha dichiarato l'esperto. "Se gli animali dovranno percorrere molti più chilometri in cerca di cibo, significa che non torneranno dai loro piccoli in tempo per evitare che muoiano di fame nel frattempo", ha aggiunto Geraint Tarling, un ecologo del British Antarctic Survey.

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24