Individuata una proteina in grado di silenziare i geni nelle cellule

Scienze

Si chiama Bahcc1 ed è associata allo sviluppo di alcune forme di leucemia e disturbi dello sviluppo. Potrebbe diventare un nuovo bersaglio per il trattamento di queste patologie

Sotto la guida di Greg Wang, i ricercatori dell’Università della Carolina del Nord e dell’Università della California, a Riverside, sono riusciti a individuare una proteina che aiuta a silenziare i geni all’esterno delle cellule, vestendo o spogliando il Dna dei propri “abiti”. Il funzionamento di questo particolare meccanismo, associato allo sviluppo di alcune forme di leucemia e disturbi dello sviluppo, è stato descritto sulle pagine della rivista specializzata Nature Genetics.

Verso una migliore comprensione dei meccanismi dell’epigenetica

approfondimento

Leucemia linfoblastica, nuove speranze dalle cellule CARCIK

“I meccanismi dell’epigenetica, cioè il vestito che indossano i geni, sono poco conosciuti dal punto di vista biochimico”, spiega Giuseppe Novelli, genetista dell’Università di Tor Vergata. “I risultati di questa nuova ricerca aprono una finestra nuova e permettono di capire come il vestito dell’Istone H3, una delle proteine più importanti che legano il Dna, reprime l’espressione dei geni limitrofi. Questo aspetto è cruciale nel regolare il destino di una cellula e nel mantenere la sua specializzazione, che perde invece quando diventa tumorale. Poiché questo processo non è irreversibile, ci si può infatti spogliare dei propri vestiti, è importante capire come fanno i geni a spogliarsi o rivestirsi”, precisa l’esperto. 

 

Il ruolo della proteina Bahcc1

Nel corso dello studio i ricercatori si sono concentrati sulla proteina Bahcc1, in grado di silenziare i geni, riconoscendo specifiche etichette molecolari. Gli studiosi ipotizzano che si tratti di un meccanismo talmente antico da essere presente non solo nel regno animale, ma anche nei funghi e nelle piante. Lo studio di questo nuovo codice cellulare ha richiesto l’utilizzo di Crispr-cas9, la tecnica del taglia-incolla del Dna. Grazie a essa, gli esperti sono riusciti a scoprire che un’elevata attività del gene per la proteina Bahcc1 è associata ad alcune forme di leucemia. “Il nostro interesse verso il sistema della proteina Bahcc1 nasce dal suo coinvolgimento in alcune forme di leucemia, in cui interviene per silenziare i geni soppressori del tumore e per promuovere, così, un programma di sviluppo tumorale”, spiega Greg Wang. Secondo Novelli, questa caratteristica di Bahcc1 potrebbe essere sfruttata per mettere a punto delle nuove terapia mirate. “Avere scoperto, infatti, che la proteina Bahcc1 è praticamente necessaria al Dna per spogliarsi o rivestirsi la rende un nuovo bersaglio che può aprire la strada a cosiddetti epi-farmaci, cioè a farmaci che agiscono sugli interruttori e silenziatori dei geni”.

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24